Salute e rimedi

Affaticamento surrenale e rimedi naturali

fatica surrenale

È tempo di parlare dell’affaticamento surrenale perché è probabile che tu ci abbia già avuto a che fare senza saperlo. Molti studiosi stimano che quasi a ogni persona possa capitare di incorrere nell’affaticamento surrenale, noto anche come ipoadrenia, in un momento particolarmente stressante della propria vita.

Lo stress cronico e lo stile di vita influenzano la capacità del corpo di riprendersi dallo stress fisico, mentale o emotivo.

A causa della vasta influenza delle ghiandole surrenali sul corpo, i sintomi dell’affaticamento surrenale possono causare un ampio numero di disturbi e la diagnosi non è sempre facile. La maggior parte delle fonti concorda sul fatto che i sintomi comprendano stanchezza, confusione mentale, aumento di peso, insulino-resistenza, etc. La semplice stanchezza non è necessariamente indicativa di questa condizione e i test per la fatica surrenale non sono sempre chiari: vi è evidenza, invece, che alti livelli di cortisolo trovati nella saliva sono associati ad una ridotta funzione immunitaria, aumento della pressione sanguigna, aumento della frequenza cardiaca e crescita ritardata nei bambini.

Questi sintomi e molti altri possono essere indicativi di diversi disturbi e sono spesso trascurati dai medici, ma sempre più persone iniziano a rendersi conto che una combinazione di questi ultimi potrebbe indicare l’insorgenza di questa condizione.

Tra i più a rischio: neo-genitori, studenti universitari o studenti post-laurea e assistenti sanitari, come infermiere o persone che si prendono cura di familiari invalidi.

L’affaticamento surrenale può anche essere una delle principali cause di accumulo di grasso e bassi livelli di energia. Fortunatamente, si può guarire con tre semplici passaggi: iniziare una dieta apposita, assumere integratori e ridurre lo stress. Quindi, parliamo esattamente di cosa fanno le ghiandole surrenali e come si può superare l’affaticamento surrenale in tre semplici passaggi.

Cos’è l’affaticamento surrenale?

La definizione “affaticamento surrenale” è stata proposta dal Dr. James L. Wilson, un naturopata e chiropratico. La sua ipotesi era che una sovrastimolazione delle ghiandole surrenali causata da stress cronico nel tempo avrebbe potuto portare ad un livello instabile di cortisolo (l’ormone dello stress) nel sangue, in eccesso o in difetto. Oltre a questo sovraccarico, le persone con affaticamento surrenale spesso non hanno abbastanza DHEA, un ormone precursore di molti altri ormoni.

A differenza di altri disturbi del sistema endocrino causati da danni fisici causati delle ghiandole surrenali, l’ipoadrenia è una condizione che può avere un risvolto positivo con cure naturali. Al momento non esiste una diagnosi ufficiale per l’affaticamento surrenale si ritiene che le persone possano presentare o una normale funzione endocrina o insufficienza endocrina totale e conclamata, come quella osservata nella sindrome di Cushing o nell’insufficienza surrenalica/malattia di Addison.

Il Dr. Wilson descrive la progressione dell’affaticamento surrenale durante il giorno come segue: ti svegli e non riesci a funzionare senza una quantità significativa di caffeina, poi senti un aumento di energia durante la prima parte della giornata e i tuoi livelli di energia si bloccano intorno alle 14:00. Un altro aumento intorno alle 6 del pomeriggio, un altro momento di affaticamente alle 9 di sera e poi finalmente un picco alle 11 di sera.

La fatica surrenale è reale?

Questa progressione potrebbe essere causata da altre malattie. I parametri di Wilson sono aspecifici e, sfortunatamente, hanno portato a una grande controversia intorno a questo argomento, anche se gli effetti del cortisolo e degli altri ormoni sono di vasta portata.

Infatti, il dibattito è molto aperto a livello accademico e alcuni credono che questa malattia sia solo un’invenzione.

Tuttavia, l’incapacità degli scienziati di condurre test adeguati non equivale immediatamente alla negazione dell’esistenza della fatica surrenale. Inoltre, una diagnosi per questa condizione è difficile poiché questi livelli di cortisolo si riducono al minimo pur restano in un intervallo definibile “normale”, sebbene i sintomi siano chiari a coloro che ne soffrono.

Indipendentemente da ciò, questo argomento rimane acceso nella comunità medica. The Hormone Health Network ha pubblicato un pezzo feroce sulla questione della stanchezza surrenalica, avvertendo i pazienti che si tratti di una falsa diagnosi, propagandata da coloro che traggono profitto dai costosi metodi di trattamento.

Cosa sono le ghiandole surrenali?

Cosa sono le ghiandole surrenali? Le ghiandole surrenali sono due organi delle dimensioni di un pollice che si trovano al di sopra dei reni e fanno parte del sistema endocrino. Sono coinvolte nella produzione di oltre 50 ormoni che guidano quasi tutte le funzioni corporee, molte delle quali essenziali per la vita.

Gli ormoni influenzano ogni cosa che funziona nel nostro corpo, direttamente o indirettamente. Reagiscono l’un l’altro e rispondono alle condizioni del corpo in un complicato equilibrio. Le ghiandole surrenali lavorano a stretto contatto con l’ipotalamo e la ghiandola pituitaria in un sistema noto come l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (asse HPA).

Normalmente, le ghiandole surrenali rilasciano il cortisolo, che aiuta a svegliarci di giorno, con un calo di livello la sera per aiutare il corpo a dormire. Questo ritmo, tuttavia, non sempre regge quando si verifica uno stato di stress.

Le ghiandole surrenali svolgono un ruolo importante nella risposta allo stress. Il cervello registra una minaccia, emotiva, mentale o fisica che sia. Il surrene rilascia cortisolo e adrenalina per aiutarti a reagire alla minaccia, facendo convergere sangue al cervello, cuore e muscoli. La corteccia surrenale rilascia quindi corticosteroidi per attenuare processi come la digestione, la risposta del sistema immunitario e altre funzioni non strettamente necessarie per la sopravvivenza.

Le ghiandole surrenali sono anche responsabili della produzione di:

Glucocorticoidi – ormoni che bilanciano la glicemia del tuo corpo, aiutano il metabolismo energetico e alimentare e aiutano il corpo ad alleviare lo stress e gestire la risposta immunitaria (ad esempio il cortisolo).

Mineralocorticoidi – ormoni che mantengono regolare la pressione sanguigna, gestiscono il livello di idratazione del sangue e mantengono il sangue sano mantenendo l’equilibrio di sale e acqua (ad esempio l’aldosterone).

Ormoni sessuali – estrogeni e testosterone.

Adrenalina/epinefrina – ormoni che influenzano la salute del cuore, si assicurano che tutte le parti del corpo ricevano sangue e convertano il glicogeno in glucosio nel fegato.

Che cosa causa l’affaticamento surrenale?

L’affaticamento surrenale è una condizione per cui il corpo e le ghiandole surrenali non riescono a tenere il passo con la tremenda quantità di stress quotidiano che molte persone provano. A volte frainteso come una malattia autoimmune, l’affaticamento può portare ad altre malattie.

I medici e i professionisti del benessere credono che un episodio di stress acuto o stress cronico prolungato possa causare un sovraccarico e un’insufficienza delle ghiandole surrenali, che le porti a rilasciare cortisolo in modo improprio. Si ritiene che l’ipoadrenia possa essere causata da:

  • Esperienze stressanti come la morte di una persona amata, il divorzio o la chirurgia
  • Esposizione a tossine ambientali e inquinamento
  • Stress prolungato a causa di difficoltà finanziarie, cattive relazioni o problemi lavorativi, e altre condizioni che comportano sentimenti di impotenza
  • Pensieri negativi e traumi emotivi
  • Mancanza di sonno
  • Dieta povera e mancanza di esercizio fisico
  • Dolore
  • Sensibilità alimentare
  • Interventi chirurgici
  • Affidarsi spesso a stimolanti come la caffeina o le bevande energetiche
  • Artrite reumatoide

È possibile che lo stress possa causare estremo affaticamento? Sì. Uno studio ha rilevato che gli studenti sottoposti a stress cronico alla fine delle loro carriere accademiche hanno compromesso la propria produzione di cortisolo. Limitando il picco di cortisolo che si verifica naturalmente ogni mattina quando ci si sveglia per aiutarci a sentirci vigili, lo stress inibisce la capacità di svegliarsi completamente, indipendentemente da quanto sonno si ottiene.

Anche la depressione può avere un ruolo nello sviluppo o negli effetti dell’affaticamento surrenale. Dopo un episodio depressivo maggiore, le risposte al cortisolo non si adattano facilmente ai livelli normali e potrebbero essere in qualche modo responsabili di una ricaduta della depressione.

I pazienti affetti da diabete potrebbero essere ad aumentato rischio di affaticamento surrenale. Una ricerca dell’Università di Delhi ha rilevato che i pazienti diabetici “mostrano uno stress cronico e una risposta allo stress significativamente più elevati rispetto ai soggetti con [normale tolleranza al glucosio].” Questo suggerisce che una ridotta tolleranza al glucosio potrebbe avere un legame con la pressione delle ghiandole surrenali.

Scienziati in Cina hanno progettato uno studio multidipliscinare per esaminare l’interazione di genetica, biomarcatori ed esposizioni ambientali con parametri di salute che portano a malattie croniche. Un questionario validato, insieme a una grande batteria di test, li ha portati a sviluppare una categoria denominata “salute subottimale”. Questa fase è essenzialmente un passo tra salute ottimale e malattia.

Questo stato intermedio sarebbe un precursore di molte condizioni di salute ed è stata esacerbata dai cambiamenti culturali negli ultimi decenni come le abitudini di vita occidentali, l’inquinamento, i poveri dieta e uso del tabacco. Questo studio, destinato ad espandersi negli anni successivi in ​​gran numero, è uno sforzo per legittimare alcuni dei benefici spesso ignorati della medicina tradizionale cinese.

Trovo curioso che lo stato di salute subottimale (SHS) abbia molti tratti in comune di quella che noi chiamiamo stanchezza surrenalica. In realtà, le persone classificate come aventi una SHS hanno “livelli significativamente più elevati di cortisolo plasmatico” e confermano la correlazione tra stress e salute subottimale. Ciò ha portato coloro che studiano la SHS a rendersi conto che ridurre lo stress negli ambienti di lavoro può aiutare a prevenire malattie croniche in futuro.

Secondo la Mayo Clinic, i sintomi di affaticamento surrenalico grave possono essere in realtà ricondotti alla malattia di Addison. Questa malattia si verifica quando le ghiandole surrenali smettono di produrre quantità sufficienti di cortisolo in modo permanente, a causa di malattie autoimmuni o danni alle ghiandole surrenali o alle ghiandole pituitarie. A differenza dell’affaticamento surrenale, la malattia di Addison è caratterizzata da una perdita di peso inspiegabile, piuttosto che da un guadagno. La Mayo Clinic sollecita chiunque abbia sintomi come iperpigmentazione (scurimento della pelle), grave affaticamento, perdita di peso inspiegabile, problemi gastrointestinali, vertigini / svenimenti, voglie di sale e dolori muscolari o articolari di vedere immediatamente un medico.

Sintomi dell’affaticamento surrenale

Cosa succede quando le ghiandole surrenali smettono di produrre ormoni in modo efficiente? Ogni funzione del corpo ne è influenzata poiché i livelli di ormoni diminuiscono e fluiscono in modo anomalo. I sintomi di stanchezza surrenale comprendono:

  • Condizioni autoimmuni
  • Stanchezza cronica
  • Cervello annebbiato
  • Perdita di capelli
  • Squilibrio ormonale
  • Risposta allo stress indebolita
  • Insulino-resistenza
  • Diminuzione della libido
  • Irritabilità
  • Depressione
  • Perdita muscolare o ossea
  • Disturbi della pelle
  • Disturbi del sonno
  • Aumento di peso
  • Voglie di cibo dolce e salato

Ci sono una serie di sintomi che potrebbero essere correlati ad altri disordini. Fortunatamente, i modi per combattere questi problemi sono molto simili e andranno a beneficio della salute in generale. Se hai riscontrato uno qualsiasi di questi effetti bisogna attivarsi, perché ci sono molti modi naturali per trattare e supportare il sistema surrenale.

3 modi per combattere l’affaticamento surrenale

Il trattamento per l’affaticamento surrenale comporta la riduzione dello stress sul corpo e sulla mente, l’eliminazione delle tossine, evitare pensieri negativi e reintegrare il corpo con cibi sani, integratori e migliorare lo stile di vita.

Se ti stai chiedendo “come posso aiutare le mie ghiandole surrenali?” La risposta potrebbe essere più vicina di quanto pensi: il trattamento della stanchezza surrenalica assomiglia molto alle diete salutari.

1. Seguire la dieta adrenale per affaticamento

In ogni caso di recupero surrenale, la dieta è un fattore importantissimo. Ci sono un certo numero di alimenti che offrono supporto surrenale, contribuendo a reintegrare la tua energia in modo che si possa tornare in piena salute. Ma prima, bisogna iniziare rimuovendo tutti gli alimenti difficili da digerire e le eventuali tossine o sostanze chimiche nel tuo ambiente.

Gli alimenti da evitare includono:

Caffeina : può interferire con il ciclo del sonno e rendere difficile il recupero delle ghiandole surrenali. Bisognerebbe berne in quantità limitata e prima di mezzogiorno.

Zucchero e dolcificanti : evitare cibi zuccherini, cereali, caramelle, dolciumi, ecc. Siate consapevoli che lo zucchero è un additivo in molti tipi di pane e condimenti. Cerca di evitare quanto più zucchero possibile.

Carboidrati : molte persone bramano cibi ricchi di carboidrati quando sono stressate, poiché offrono una soddisfazione momentanea ma finiscono per pesare maggiormente sulle ghiandole surrenali. Se sei sopraffatto e stressato, prova a lasciar perdere il glutine e i carboidrati amidacei per un periodo di tempo.

Cibi pronti : prima di tutto, il microonde porta i suoi pericoli, ma, in aggiunta, la maggior parte dei cibi pronti hanno molti conservanti difficili da digerire e consumano il ciclo energetico e digestivo del tuo corpo.

Carni lavorate : un sovraccarico di proteine ​​può stressare la produzione di ormoni più di quanto si possa pensare, e gli ormoni aggiunti provenienti dalla carne possono mandare il sistema fuori fase rapidamente.

Oli idrogenati : gli oli vegetali come la soia, la colza e l’olio di mais sono altamente infiammatori e possono portare a infiammazioni surrenali. Cerca di usare solo grassi buoni come olio di cocco, olio d’oliva, burro biologico o burro chiarificato.

Successivamente, si dovrebbero aggiungere alla dieta alimenti ricchi di sostanze nutritive facili da digerire e con proprietà curative. Alcuni dei migliori supercibi per la salute delle ghiandole surrenali includono:

  • Noce di cocco
  • Olive
  • Avocado
  • Verdure (cavolfiori, broccoli, cavoletti di Bruxelles, ecc.)
  • Pesce grasso (ad esempio salmone selvatico)
  • Pollo ruspante e tacchino
  • Brodo d’osso
  • Noci
  • Semi, come zucca, chia e lino
  • Alghe
  • Sale marino celtico o himalayano
  • Alimenti fermentati ricchi di probiotici
  • Funghi medicinali

Questi alimenti aiutano a superare l’affaticamento surrenale perché sono nutrienti, a basso contenuto di zuccheri e hanno grassi e fibre sane.

2. Prendi integratori ed erbe per l’affaticamento dei surreni

Un altro elemento chiave per superare l’affaticamento surrenale è assumere integratori giusti ed erbe. La dieta è essenziale, ma può essere difficile rispettarla appieno. Pertanto, può essere utile utilizzare saggiamente integratori alimentari come vitamine e minerali particolarmente importanti per il supporto giandolare. Alcune di queste erbe cardine sono le seguenti.

Erbe adattogene ashwagandha, rhodiola rosea, schisandra e basilico santo : la ricerca indica che le erbe adattogene possono aiutare a ridurre i livelli di cortisolo e mediare lo stress all’interno del corpo.

Radice di liquirizia : questa spezia è disponibile in forma di estratto e aiuta ad aumentare il DHEA nel corpo. La radice di liquirizia è associata ad alcuni effetti collaterali e può talvolta essere evitata assumendo la liquirizia DGL. Le donne incinte e quelle con problemi di cuore, fegato o reni dovrebbero evitare la radice di liquirizia. Non va presa, in ogni caso, per più di quattro settimane alla volta.

Olio di pesce : esistono numerosi benefici nell’integrazione con olio di pesce (o, per le persone con diete vegane o diete a base vegetale, olio di alghe). Molti di questi includono il contrastare sintomi e complicazioni correlati alla stanchezza surrenalica, come diabete, disfunzione mentale, artrite, funzione del sistema immunitario, problemi della pelle, aumento di peso e ansia / depressione.

Magnesio : da un po’ di tempo il magnesio è considerato uno dei nutrienti più efficaci per combattere l’insufficienza surrenale.

Vitamine del complesso B : la ricerca ha rilevato che la carenza di vitamina B12 (cobalamina) può essere associata a stress della corteccia surrenale in alcuni animali. La vitamina B5 è un’altra vitamina comunemente carente nelle persone con stress surrenale. Soprattutto riducendo o eliminando la carne dalla dieta, potrebbe essere utile assumere un integratore vitaminico del complesso B di alta qualità.

Vitamina C : la vitamina C è stata riscoperta nel minimizzare gli effetti dello stress sulle persone, oltre ad avere un potente effetto antiossidante.

Vitamina D : Oltre a mantenere l’omeostasi tra il magnesio e il fosforo nel corpo e sostenere le ossa, si è visto avere un impatto della vitamina D su altre condizioni, tra cui la disfunzione surrenale e molte altre patologie di vario genere.

Selenio : uno studio su animali ha rilevato che la carenza di selenio può avere un impatto negativo sulla funzione surrenale.

Olio di lavanda : studi sull’uomo e sugli animali dimostrano che l’olio essenziale di lavanda ha un effetto calmante che può ridurre lo stress. La ricerca suggerisce anche che potrebbe abbassare i livelli elevati di cortisolo quando inalato.

Olio di rosmarino : l’ olio essenziale di rosmarino (insieme alla lavanda) può aiutare a ridurre le concentrazioni di cortisolo e ridurre lo stress ossidativo sulle cellule.

3. Ridurre lo stress da affaticamento surrenale

L’ultima e più importante chiave per ripristinare la funzione surrenale è prestare attenzione alle esigenze della mente e allo stress. Presta attenzione al tuo corpo!

  • Riposa quando ti senti stanco il più possibile.
  • Dormi 8-10 ore a notte.
  • Evita di alzarti tardi e continua a dormire regolarmente – idealmente, a letto prima delle 22:00.
  • Ridi e fai qualcosa di divertente ogni giorno.
  • Riduci al minimo il lavoro e lo stress relazionale.
  • Mangia regolarmente e riduci la tua dipendenza da caffeina e zucchero.
  • Fai esercizio (anche camminare può aiutare). Lo yoga, in particolare, può aiutare a migliorare la qualità della vita.
  • Evita le persone negative.
  • Prendi tempo per te stesso (fa’ qualcosa di rilassante).
  • Chiedi consiglio o supporto per eventuali esperienze traumatiche.

Quindi, sii gentile con te stesso. Cerca di evitare di dire cose negative su te stesso e sugli altri. È scientificamente provato che è possibile ridurre le preoccupazioni patologiche praticando il “rimpiazzo del pensiero”, una pratica di auto-conversazione positiva che implica recitare verbalmente esiti positivi a situazioni stressanti.

Quando andare all’endocrinologo per l’affaticamento surrenale

Molte persone lasciano perdere i problemi relativi all’affaticamento surrenale. Tuttavia, possedere alti valori di cortisolo per un lungo periodo di tempo può davvero essere un rischio. Inoltre, alcuni sintomi possono essere indicativi di condizioni più gravi.

Sarebbe meglio consultare l’endocrinologo se:

  • Si verifica uno o una combinazione di sintomi di affaticamento surrenale per un periodo prolungato di tempo
  • I sintomi hanno iniziato a interferire con le normali relazioni e/o attività, come il lavoro, le abitudini familiari o la scuola
  • I cambiamenti della dieta e dello stile di vita non hanno migliorato significativamente i sintomi
  • Soffri d’insonnia e/o non sei più in grado di dormire tranquillamente, non importa da quanto tempo sei a letto
  • Iperpigmentazione o macchie di pelle più scura sul tuo corpo
  • Sei una donna che ha visto cessare improvvisamente le mestruazioni
  • Soffri di vertigini e/o debolezza generale per più giorni consecutivi senza causa apparente
  • Non sei sicuro di come strutturare una dieta adrenale per affaticamento

A causa della natura controversa di questa condizione, potrebbe essere necessario cercare un naturopata (fitoterapia non è sinonimo di omeopatia, si tratta di una vera scienza) che ti aiuti a trattare l’affaticamento surrenale con una combinazione di consigli dietetici e consigli sugli integratori, oltre a tutti i farmaci ormonali o di altro tipo necessari.

Una dose orale di 20 milligrammi di idrocortisone è raccomandata da alcuni per la gestione di routine del cortisolo, mentre una dose occasionale di 50 milligrammi può essere prescritta ma non deve essere assunta regolarmente a dosi più elevate. Il medico o l’endocrinologo dovrebbero aiutarvi a capire i potenziali effetti collaterali di questo e di qualsiasi altro farmaco che raccomandano.

Test dell’affaticamento surrenale

I test per l’affaticamento surrenale sono, purtroppo, causa di confusione per molti. Dovresti sapere in anticipo che questi test devono essere eseguiti da qualcuno che comprenda la natura dell’affaticamento surrenale e che sono raramente definitivi.

Il più comune di questi test include il test di un fluido corporeo per il cortisolo. Gli esami del sangue non sono quasi mai utili in questo caso, ma un pannello salivare di 24 ore può aiutare il medico a riconoscere le anomalie del cortisolo, inclusa la mancanza o il sovraccarico della risposta allo stress. Molti medici testano anche la funzione tiroidea insieme ai livelli di cortisolo poiché entrambi gli assi sono comunicanti.

Altri test che possono essere utilizzati per aiutare a diagnosticare o confermare l’affaticamento surrenale includono:

  • Stimolazione dell’ACTH
  • Test TSH (ormone stimolante la tiroide)
  • T3 libero (FT3)
  • Tiroxina totale (TT4)
  • Rapporto Cortisolo / DHEA
  • Rapporto 17-HP / Cortisolo
  • Test del neurotrasmettitore

Ci sono anche altri due test di sicurezza. Il primo è noto come test della contrazione dell’iride ed è stato sviluppato nel 1924 dal Dr. Arroyo. La sua teoria era che l’iride non sarebbe in grado di contrarsi correttamente quando esposta alla luce nelle persone con funzione surrenale indebolita, quindi il test consiste nel sedersi in una stanza buia facendo luce con una torcia puntata sugli occhi ripetutamente. Se soffri di affaticamento surrenale, è possibile che la contrazione dell’occhio non duri più di due minuti e che gli occhi si dilatino anche quando sono ancora esposti alla luce diretta.

Puoi anche provare il test di pressione bassa posturale. Negli individui sani, la pressione sanguigna sale quando ci si alza da una posizione di fermo. Usando un misuratore di pressione sanguigna, si può testare la pressione al momento del riposo e poi dopo, in piedi. Se non vedi un aumento o un calo della pressione sanguigna, è possibile che le tue ghiandole surrenali siano state indebolite.

Il collegamento tra l’affaticamento surrenale e l’osteoporosi

Alcuni trovano una connessione tra affaticamento surrenale e osteoporosi. È noto che l’osteoporosi è spesso il risultato di squilibrio ormonale. Livelli di cortisolo sballati sono anche associati alla perdita di materia ossea e al conseguente rischio di osteoporosi.

Una causa scatenante queste instalibità potrebbe essere rappresentata dal cattivo rilascio di cortisolo e aldosterone, durante la risposta del corpo allo stress. Quando questi ormoni non gestiscono l’equilibrio minerale attraverso questi ormoni mineralcorticoidi, può verificarsi la perdita di tessuto osseo.

Le carenze nutrizionali possono esacerbare o accelerare lo sviluppo dell’osteoporosi, quindi migliorare la dieta e rimuovere gli alimenti pro-infiammatori può attenuare i fattori di rischio per entrambi questi disturbi.

Anche se non vi è ancora prova che l’affaticamento surrenale causi direttamente l’osteoporosi, l’evidenza della connessione tra livelli anormali di cortisolo e osteoporosi dovrebbe essere approfondita.

Affaticamento surrenale, insufficienza surrenale, malattia di Addison, malattia di Cushing

Quando si discutono problemi di funzione surrenale, è importante capire che l’affaticamento surrenalico non è la stessa cosa dell’insufficienza surrenalica, della malattia di Addison o della sindrome di Cushing / malattia di Cushing.

Insufficienza surrenale e malattia di Addison

I sintomi riscontrati nell’insufficienza surrenalica che non si riscontrano nell’affaticamento delle ghiandole surrenali includono problemi digestivi, perdita di peso, basso livello di zucchero nel sangue, mal di testa e sudorazione (come pure la maggior parte dei sintomi comuni nell’ipoadrenia, con conseguente aumento di peso).

L’insufficienza surrenalica primaria è quella che è nota come malattia di Addison e si verifica quando le ghiandole surrenali sono danneggiate da qualche tipo di trauma e non producono abbastanza cortisolo o aldosterone. Il tipo più comune di insufficienza surrenalica è noto come insufficienza surrenalica secondaria e si verifica quando la ghiandola pituitaria smette di produrre adenocorticotropina (ACTH). L’ACTH è ciò che stimola le ghiandole surrenali a produrre cortisolo, quindi impedisce a questo processo di andare avanti.

Lo scurimento della pelle che tanto interessa agli endocrinologi si verifica più spesso nella malattia di Addison, ma non nell’insufficienza surrenalica secondaria. L’ultima di queste malattie spesso non viene diagnosticata rapidamente perché le persone ignorano i sintomi fino a quando non sono evidenti. Le persone con insufficienza surrenalica sperimentano una grave stanchezza, spesso non riflessa dai livelli di cortisolo salivare.

Quelli con insufficienza surrenalica possono arrivare a soffrire di una crisi surrenale se vengono ignorati i sintomi della malattia. Una crisi surrenale (nota a volte come una crisi addisoniana in quelli con morbo di Addison) è caratterizzata da forte dolore improvviso alle gambe, alla schiena o all’addome, vomito / diarrea, disidratazione, bassa pressione sanguigna e perdita di coscienza.

La più grande differenza tra queste patologie è che le persone con affaticamento surrenale di solito hanno livelli di cortisolo che rientrano in livelli “normali” ma non “ottimali”, mentre i pazienti con insufficienza surrenalica hanno livelli di cortisolo costantemente al di fuori del normale intervallo. Inoltre, la maggior parte dei medici convenzionali direbbe che lo stress non è un fattore causale nell’insufficienza surrenalica (che è “sempre causata” da danni misurabili e diagnosticabili praticamente), il che sembra improbabile.

Le risposte immunitarie sono limitate nelle persone che soffrono di insufficienza surrenalica, che non possono rispondere fisiologicamente a patogeni come individui sani.

Sindrome di Cushing

Una malattia estremamente rara, la sindrome di Cushing è una sovrapproduzione di cortisolo, al di fuori dei livelli normali, che colpisce più spesso le donne tra i 25 e i 40 anni. A volte, la sindrome di Cushing è causata da tumori. In questi casi, è possibile che l’affaticamento surrenalico e / o le abitudini alimentari e di stile di vita possano aver contribuito alla malattia.

La Cushing è definita come una malattia “curabile”, sebbene quelli con tumori precedenti necessitino di controlli regolari per valutare qualsiasi futura crescita del tumore, e quelli che hanno avuto Cushing in passato sono a più alto rischio per diabete, pressione alta o colesterolo alto.

Sintomi unici della sindrome di Cushing (chiamata malattia di Cushing quando causata da un tumore ipofisario) includono aumento del peso addominale / facciale, impotenza maschile, insufficienza delle mestruazioni, aumento del rischio di aborto, glicemia alta e pressione alta.

Quanto tempo ci vuole per recuperare dalla stanchezza surrenale?

Non è una domanda facile a cui rispondere, perché il tempo di recupero dalla fatica surrenale non è mai stato studiato. Il recupero per l’affaticamento surrenale può richiedere un po’ di tempo. Dopotutto, ci sono voluti mesi, forse anni, per consumare le tue ghiandole surrenali; quindi ci vuole un po’ di tempo per riacquistare la forza. Per il recupero adrenalinico completo, ci si deve aspettare:

  • 6-9 mesi per l’affaticamento surrenale minore
  • 12-18 mesi per l’affaticamento moderato
  • Fino a 24 mesi per grave affaticamento surrenale

L’approccio migliore è quello di apportare solide modifiche al tuo stile di vita per poi ottenere risultati duraturi. Alcune persone notano una differenza nel loro benessere generale dopo poche settimane di alimentazione corretta che aiuti a disintossicare il corpo e l’integrazione con supplementi alimentari.

Precauzioni

Molti medici si preoccupano delle diagnosi di stanchezza surrenalica e della loro legittimità, in parte, perché non vogliono che le persone “trattino” impropriamente sé stesse per una condizione e finiscano peggio di prima.

In primo luogo, ricorda che qualsiasi nuovo regime dietetico o aggiunta di supplementi nel tuo stile di vita dovrebbe essere implementato sotto la supervisione di un medico / naturopata di cui ti fidi. In generale, introducendo più alimenti a base vegetale nel tuo stile di vita ed eliminando gli stimolanti, cibi zuccherini e prodotti trasformati o prodotti chimici aggiunti ti sentirai sempre meglio, indipendentemente dalle patologie che potresti avere.

La preoccupazione maggiore arriva quando si parla di erbe, spezie, integratori e oli essenziali usati per combattere l’affaticamento surrenale. Tieni a mente queste precauzioni e non usarle ciecamente senza una supervisione medica o un’informazione adeguata su come, quanto, quanto spesso e per quanto tempo usare degli integratori.

Funghi medicinali : a causa del modo in cui i funghi come cordyceps e chaga interagiscono con il corpo e vari farmaci, è consigliabile che le madri incinte o che allattano non li usino mai. Inoltre, chiunque sia affetto da malattie autoimmuni, diabete o disturbi della coagulazione non deve usare chaga o cordyceps. Questo fungo contiene anche ossalati e può inibire l’assorbimento di alcuni nutrienti in grandi dosi.

Erbe adattogene: molte persone raccomandano di usare solo un’erba adattogena alla volta (e non tutti i giorni), passando poi a una diversa. A causa della mancanza di prove sulla loro sicurezza durante la gravidanza, le piante adattogene non dovrebbero mai essere utilizzate da donne incinte o che allattano, lo ricordiamo ancora una volta.

La Rhodiola rosea è nota causa di allergia, insonnia, irritabilità, aumento della pressione sanguigna e dolore al petto. Può interferire con i farmaci psicotropi, le pillole anticoncezionali, i farmaci per il diabete e la tiroide, oltre ad aumentare gli effetti stimolanti della caffeina e influire sull’aggregazione piastrinica.

Anche se inteso come abbastanza sicuro se assunto a breve termine, ashwagandha non è stato studiato per gli effetti a lungo termine sull’uso. Dosi troppo grandi possono portare a sintomi digestivi tra cui nausea, diarrea e vomito. Le persone con diabete, pressione arteriosa irregolare, ulcere allo stomaco, malattie autoimmuni, disturbi della tiroide o interventi chirurgici ricevuti di recente non dovrebbero usare ashwagandha.

Il basilico santo, una miniera d’oro della medicina ayurvedica, è noto per essere sicuro per un massimo di sei settimane, mentre gli effetti a lungo termine sono sconosciuti. Inoltre, non bisognerebbe prendere il basilico santo prima o dopo un intervento chirurgico perché potrebbe aumentare il rischio di sanguinamento.

Oli essenziali : comprendere i dettagli degli oli essenziali può essere un compito importante, ma i due generalmente raccomandati per il supporto surrenale, la lavanda e il rosmarino, sono piuttosto semplici. Nessuno dei due è stato testato su donne in stato di gravidanza e pertanto non dovrebbe essere usato in questi casi.

L’olio di lavanda non deve essere usato insieme ad altri sedativi. Questo è anche generalmente riconosciuto come sicuro quando assunto per via orale (nella misura suggerita di 3 gocce alla volta diluite in acqua).

L’olio di rosmarino non dovrebbe mai essere usato oralmente, in quanto può causare vomito e spasmi. Si può inalare o usarlo localmente a una diluizione 50:50 di un olio vettore.

Considerazioni finali

  • La stanchezza surrenale è una condizione controversa, coniata dal dott. James L. Wilson alla fine degli anni ’90.
  • Questa condizione è considerata uno stato di salute “intermedio”, prima di raggiungere uno stato di malattia diagnosticabile, che è caratterizzato da diversi sintomi generali che interessano vari sistemi corporei, simile alla classificazione cinese dei sintomi di salute subottimale.
  • Si dice che la stanchezza surrenalica sia causata da alti livelli di stress cronico che portano ad una iperattivazione delle ghiandole surrenali, costringendole a sovrapprodurre o sottoprodurre il cortisolo, l’ormone dello stress, nei momenti sbagliati.
  • Molti credono che l’affaticamento surrenale possa portare a malattie surrenali più gravi come l’insufficienza surrenalica o la sindrome di Cushing.
  • I sintomi comuni di affaticamento surrenale comprendono grave stanchezza, nebbia del cervello, diminuzione del desiderio sessuale, perdita di capelli, insulino-resistenza e altri.
  • Combattere naturalmente l’affaticamento surrenale, rimuovere gli alimenti infiammatori dalla dieta come lo zucchero e i carboidrati in eccesso e mangiare molti cibi colorati a base di erbe, carni magre come pollo o tacchino e molti grassi sani insaturi.
  • Ci sono una varietà di erbe, spezie, integratori e oli essenziali che possono essere utilizzati per combattere l’affaticamento surrenale. Questi dovrebbero essere usati sotto controllo medico.
  • Se si verificano sintomi per un lungo periodo di tempo o si verificano determinati problemi, ad esempio macchie di pelle scurita, consultare immediatamente un endocrinologo per ottenere aiuto specifico.

Sull'autore

Paula

Mi chiamo Paula Calotti e sono nata a Rio De Janeiro, in Brasile. Mio padre è di Mantova, città in cui attualmente vivo, ma in me scorre sangue latino. Sono cresciuta con carne e capoeira, ho praticato tante altre arti marziali e giro per il mondo visitando fiere del fitness. Sono una personal trainer, ballerina di salsa nel tempo libero e fitness model per riviste di settore e brand d'abbigliamento sportivo. Ho aperto questo blog per raccontarvi della mia passione per la cura del corpo e della mente. La felicità parte proprio da qui.

Ti piacciono i rimedi naturali?

Inserisci la tua mail per avere importanti informazioni sulla salute psico-fisica e i rimedi naturali. Non inviamo pubblicità!

Complimenti! Invio effettuato.