Cibi e natura

Ashwagandha: benefici per cervello, tiroide e muscoli

pianta di Ashwagandha

L’Ashwagandha è un’erba adattogena, popolare nella medicina ayurvedica, che è stata usata per più di 2.500 anni. È in realtà l’erba adattogena più comunemente utilizzata ed ampiamente studiata. È apprezzata per le sue proprietà modulanti la tiroide, neuroprotettive, anti-ansia, antidepressive e antinfiammatorie.

In India è stata tradizionalmente usata per rafforzare il sistema immunitario. È stata anche indicata come ginseng indiano per la sua capacità di migliorare la resistenza e rappresentare un rimedio naturale dallo stress.

Cos’è l’Ashwagandha

L’Ashwagandha è conosciuta in botanica come Withania Somnifera ed è un membro della famiglia delle solanacee. La radici e le foglie della pianta sono comunemente utilizzate per le loro proprietà medicinali.

Il significato letterale della parola è odore di cavallo perché si dice che le radici fresche dell’erba odorino come un cavallo e, secondo un detto popolare, si crede che quando si consumi ashwagandha “si possano sviluppare forza e vitalità di un cavallo”.

L’Ashwagandha è un’erba importante nella medicina ayurvedica perché serve a molti scopi e benefici per l’organismo e l’obiettivo principale della medicina ayurvedica è quello di aiutare le persone a rimanere in buona salute senza bisogno di farmaci da prescrizione o interventi chirurgici complicati.

Benefici dell’Ashwagandha

Vediamo insieme quali sono tutti i benefici.

Migliora la funzione tiroidea

Uno degli aspetti più incredibili delle erbe adattogene come l’ashwagandha è che aiutano ad affrontare e risolvere i problemi della tiroide. L’Ashwagandha ha dimostrato di supportare le persone a cui sia stata diagnosticata una la malattia di Hashimoto.

Per i milioni di persone che hanno problemi con la tiroide, molti dei quali inconsapevoli, l’ashwagandha potrebbe essere la soluzione.

Uno studio pilota del 2017, pubblicato sul Journal of Alternative and Complementary Medicine, ha valutato i benefici dell’Ashwagandha nell’aiutare i pazienti con ipotiroidismo subclinico. I 50 partecipanti sono stati diagnosticati con disturbi della tiroide, ma non hanno mostrato sintomi evidenti di carenza o eccesso di ormoni tiroidei.

Durante un periodo di 8 settimane, il gruppo di trattamento ha ricevuto 600 milligrammi di estratto di radice di Ashwagandha ogni giorno, e il gruppo di controllo ha ricevuto l’amido come placebo. I ricercatori hanno scoperto che l’ashwagandha ha migliorato i livelli sierici di tireotropina (l’ormone alla base della stimolazione della tiroide, TSH) e tiroxina (T4) in modo significativo rispetto al placebo. Si è concluso che l’ashwagandha può essere utile per normalizzare i livelli ormonali gestiti dalla tiroide in pazienti con ipotiroidismo.

Uno studio pubblicato sul Journal of Ayurveda e sulla Medicina Integrativa ha anche scoperto che l’ashwagandha ha proprietà di potenziamento della tiroide. Nello studio, i pazienti con disturbo bipolare usavano questo medicamento naturale per migliorare la funzione cognitiva. I test di laboratorio hanno rilevato che alcuni di questi pazienti hanno sperimentato aumenti di T4 durante il periodo di trattamento.

La ricerca suggerisce che, poiché l’ashwagandha aumenta la funzione tiroidea, potrebbe non essere adatta per le persone con tiroide iperattiva come quelle con la malattia di Graves.

Allevia l’affaticamento surrenale

La ricerca mostra che l’ashwagandha può essere utile nel sostenere la funzione surrenale e aiutarvi a superare l’affaticamento surrenale: le ghiandole surrenali sono ghiandole endocrine responsabili del rilascio di ormoni, in particolare cortisolo e adrenalina, in risposta allo stress.

Se le ghiandole surrenali sono sovraccaricate a causa di una sovrabbondanza di stress emotivo, fisico o mentale, questo può portare a una condizione nota come stanchezza surrenalica. Quando le ghiandole surrenali si esauriscono, questo processo può anche interferire con la produzione di altri ormoni nel corpo, compreso il progesterone, che può causare infertilità e bassi livelli di DHEA, un ormone legato alla longevità e al mantenimento di un corpo forte.

Combatte lo stress e l’ansia

Uno dei benefici più noti dell’ashwagandha è la sua capacità di funzionare come rimedio naturale per l’ansia. In uno studio del 2009 pubblicato su PLOS One, l’ashwagandha è risultata essere paragonabile al lorazepam.

Nello studio controllato di 12 settimane, 75 partecipanti con ansia sono stati divisi in due gruppi, uno che ha ricevuto cure naturopatiche e un altro che ha ricevuto un trattamento di psicoterapia standardizzato. Il gruppo di assistenza naturopatica ha ricevuto una consulenza dietetica, informazioni su tecniche di rilassamento e sulla respirazione profonda, un complesso multi-vitaminico standard e 300 milligrammi di Ashwagandha due volte al giorno. Il gruppo trattato con la psicoterapia ha ricevuto la citata psicoterapia, le tecniche di rilassamento sulla respirazione profonda e le pillole placebo due volte al giorno.

Quando i livelli di ansia sono stati valutati dopo un periodo di 12 settimane, il gruppo che ha ricevuto ashwagandha ha avuto un riscontro nei livelli di ansia che sono diminuiti del 55% e il valore del gruppo di psicoterapia è diminuito del 30,5%. Differenze significative tra i due gruppi sono state riscontrate anche in salute mentale, concentrazione, funzionamento sociale, vitalità, affaticamento e qualità generale della vita, con il gruppo Ashwagandha che mostra maggiori benefici clinici.

Oltre a questi risultati positivi, i ricercatori hanno indicato che non si sono verificati effetti collaterali gravi in ​​entrambi i gruppi. Uno dei maggiori vantaggi dell’Ashwagandha è che non ci sono reazioni avverse o almeno quelle che si sono verificate sono minime: rispetto ai farmaci antidepressivi e anti-ansia che possono causare sonnolenza, insonnia, perdita del desiderio sessuale e aumento dell’appetito, tra gli altri effetti collaterali.

Migliora la depressione

L’ashwagandha non solo aiuta le persone che si occupano di ansia e stress cronico, ma può anche essere utile per le persone che manifestano segni di depressione. Poiché lo stress è una causa nota di depressione, come lo sono gli squilibri ormonali, l’ashwagandha può potenzialmente funzionare come rimedio naturale per la depressione.

Bilancia i livelli di zucchero nel sangue

L’Ashwagandha è stata valutata per i suoi effetti anti-diabetici, che sono riscontrabili grazie alla presenza di composti fenolici, inclusi i flavonoidi. La ricerca mostra che i flavonoidi possiedono attività ipoglicemiche e uno studio che coinvolge roditori ha concluso che sia la radice dell’Ashwagandha che gli estratti di foglie hanno contribuito a far raggiungere i normali livelli di zucchero nel sangue nei ratti diabetici.

Uno altro studio su animali pubblicato su Reports of Biochemistry and Molecular Biology ha scoperto che quando l’ashwagandha veniva somministrata a ratti alimentati con fruttosio, inibiva gli aumenti di glucosio, le condizioni di insulino-resistenza e infiammazione indotte dal fruttosio. Questi dati suggeriscono che l’estratto dell’Ashwagandha può essere utile per migliorare la sensibilità all’insulina e ridurre i marcatori infiammatori (VES e PCR) negli esseri umani.

Aiuta a combattere il cancro

La ricerca suggerisce che l’ashwagandha abbia effetti anti-tumorali promettenti, può aiutare a ridurre la crescita del tumore quando la malattia sia conclamata e può funzionare per prevenire non solo la proliferazione ma anche la crescita a priori delle cellule tumorali. L’estratto ha dimostrato di aiutare a inibire la proliferazione delle cellule tumorali, in particolare le cellule di cancro al seno, ai polmoni, allo stomaco e al colon, che sono tra i principali tipi di cancro al mondo. Si ritiene che l’ashwagandha aiuti a prevenire la crescita delle cellule tumorali principalmente grazie alla sua attitudine verso il potenziamento immunitario e la funzione antiossidante.

Pare che l’integrazione con ashwagandha sia correlata con un aumento dei globuli bianchi nel corpo, il che indica che il sistema immunitario è più capace di proteggere la salute dell’individuo dalle malattie e dagli invasori dannosi quando venga usata questa erba. La diminuzione del numero di globuli bianchi nel corpo dopo la chemioterapia è una preoccupazione importante poiché mette i malati di cancro a rischio molto più alto di problemi di salute: sono un esempio pratico le infezioni più semplici come il raffreddore, trasportate dai visitatori e facili da contrarre nei luoghi pubblici. Questo è il motivo per cui l’ashwagandha può servire come aggiunta complementare ai trattamenti convenzionali contro il cancro.

Riduce la degenerazione delle cellule cerebrali e migliora la memoria

Lo stress emotivo, fisico e chimico può avere effetti dannosi sul cervello e sul sistema nervoso. Recenti ricerche hanno dimostrato che la pianta protegge anche il cervello dalla degenerazione cellulare, che può portare a malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson. Uno dei motivi principali per cui l’ashwagandha sia così efficace nella guarigione del cervello è perché contiene potenti antiossidanti che distruggono i radicali liberi che causano l’invecchiamento.

Uno studio pilota del 2017 pubblicato sul Journal of Dietary Supplements ha scoperto che l’ashwagandha ha efficacemente potenziato la memoria sia a breve che lungo termine nelle persone con lieve deficit cognitivo. L’erba è stata anche in grado di migliorare l’attenzione, la velocità di elaborazione delle informazioni e le abilità mentali. Lo studio ha coinvolto 50 adulti che hanno ricevuto 300 milligrammi di estratto di radice di Ashwagandha o placebo per un periodo di 8 settimane.

Migliora la funzione immunitaria e favorisce un processo anti-infiammatorio

L’ashwagandha funziona nel ridurre l’infiammazione dell’interno del corpo. Ricerche in vivo mostrano che l’ashwagandha può migliorare la funzione immunitaria aumentando la produzione di immunoglobuline. È anche in grado di promuovere un ambiente anti-infiammatorio sopprimendo le citochine pro-infiammatorie.

Aumenta la resistenza e la resistenza

Gli studi hanno dimostrato che l’ashwagandha può aumentare la resistenza durante l’attività fisica, migliorando la funzione cerebrale e riducendo il dolore corporeo derivante da un senso di fatica estremo.

Uno studio condotto in India in doppio cieco, randomizzato e con placebo, ha valutato l’efficacia degli estratti dell’Ashwagandha nel migliorare la resistenza cardiorespiratoria in 50 atleti adulti sani. Durante un test di corsa a navetta di 20 minuti, è stato misurato il consumo di ossigeno nel picco di sforzo fisico di ogni partecipante. Ai partecipanti è stato inoltre fornito un questionario sulla loro salute fisica, salute psicologica, relazioni sociali e fattori ambientali influenti per poter successivamente valutare i cambiamenti nella loro qualità della vita dopo il trattamento con ashwagandha. I ricercatori hanno scoperto che il valore complessivo della qualità della vita oltre che delle prestazioni sportive a 8-12 settimane era globalmente migliorato.

Aiuta ad aumentare la forza muscolare

Forse un sorprendente beneficio dell’Ashwagandha è la sua capacità di aumentare la massa muscolare e la forza. Per questo motivo può essere uno strumento utile per le persone impegnate nell’allenamento di resistenza e in altre forme di esercizio che possono essere faticose per l’intero sistema muscolare.

Uno studio del 2015 pubblicato sul Journal of International Society of Sports Nutrition ha rilevato che l’integrazione dell’Ashwagandha è associata ad aumenti significativi della massa e della forza muscolare. Lo studio di 8 settimane ha coinvolto 57 maschi di età compresa tra 18 e 50 anni con poca pratica nell’allenamento di resistenza. Gli uomini del gruppo di trattamento hanno consumato 300 milligrammi di estratto di radice dell’Ashwagandha due volte al giorno e il gruppo di controllo ha consumato il solito placebo. I ricercatori hanno scoperto che il gruppo in trattamento regolare (non placebo) ha avuto un aumento significativamente maggiore della forza muscolare misurata tramite esercizi di body building su panca piana e leg press. Coloro che hanno ricevuto ashwagandha hanno anche mostrato un aumento della dimensione muscolare delle braccia e del torace significativamente maggiore, una riduzione significativamente maggiore del danno muscolare indotto dall’esercizio fisico, un aumento dei livelli di testosterone e una consistente diminuzione della percentuale di grasso corporeo.

Aiuta a migliorare la funzione sessuale e la fertilità

Nella medicina ayurvedica, l’ashwagandha è stata usata spesso come un afrodisiaco naturale che può aiutare a migliorare la disfunzione sessuale. L’Ashwagandha è anche usata per aumentare i livelli di testosterone e migliorare la fertilità maschile. 

Un altro studio è stato condotto per analizzare l’attività spermatogenica indotta dall’ashwagandha in pazienti con basse concentrazioni di spermatozoi e possibile, conseguente, infertilità. 46 maschi hanno partecipato allo studio e hanno ricevuto 675 milligrammi di Ashwagandha suddivisi in tre dosi al giorno per un periodo di 90 giorni o, in alternativa, un placebo. Alla fine del periodo di trattamento, sono stati stimati i parametri dello sperma e i livelli di ormoni steroidei circolanti. I ricercatori hanno riscontrato un aumento del 167% nella conta spermatica, un aumento del 53% nel volume dello sperma e un aumento del 57% della motilità degli spermatozoi tra i partecipanti al trattamento trattati con ashwagandha. Nel gruppo placebo, i miglioramenti erano irrisori e poco considerabili.

E uno studio del 2010 pubblicato su Fertility and Sterility ha scoperto che la supplementazione dell’Ashwagandha era in grado di migliorare i livelli di testosterone in 75 uomini sottoposti a screening a causa dell’infertilità.

Valori nutrizoniali

1.000 milligrammi di polvere di radice dell’Ashwagandha disidratata contengono quanto segue:

  • 2,5 calorie
  • 0,04 grammi di proteine
  • 0,32 grammi di fibre
  • 0,05 grammi di carboidrati
  • 03 milligrammi di ferro
  • 0,02 milligrammi di calcio
  • 08 microgrammi di carotene
  • 06 milligrammi di vitamina C

L’Ashwagandha contiene molti elementi benefici, tra cui flavonoidi e antiossidanti e glutatione. Contiene inoltre alcaloidi, aminoacidi (incluso triptofano), neurotrasmettitori, steroli, tannini, lignani e triterpeni. Sono questi preziosi composti che consentono le attività farmacologiche dell’ashwagandha.

Tipi di Ashwagandha, uso e dosaggio

Gli integratori sono ampiamente disponibili online e nei negozi di alimenti naturali o vitaminici. La forma più popolare e venduta di Ashwagandha è l’estratto di radice, ma sono anche disponibili estratti di foglie. Puoi trovare gli estratti in capsule e in polvere.

Quando si acquistano questi integratori bisogna assicurarsi che siano standardizzati per il consumo umano.

Questa pianta, soprattutto quando ridotta in forma di integratore, non ha l’odore più attraente del mondo per questo suggeriamo di utilizzarla in polvere mescolata con altri cibi o bevande per renderlo più piacevole.

Effetti collaterali e precauzioni d’uso

L’Ashwagandha è costituita da lattoni e witanolidi. Questi composti chimici hanno diversi effetti medicinali. Alcune parti della pianta contengono una maggior concentrazione di questi composti rispetto ad altri, quindi la scelta del tipo di integratore dovrebbe dipendere da una valutazione a priori dei livelli, soprattutto di witanolidi, contenuti nelle differenti porzioni della pianta: le foglie, ad esempio, pare ne contengano una maggior quantità.

Se assunta in dosi appropriate, l’ashwagandha è stata considerata ampiamente sicura per il consumo umano. Alcuni possibili effetti collaterali comprendono mal di stomaco, vomito e diarrea. Se noti uno qualsiasi di questi effetti indesiderati, interrompi immediatamente l’assunzione dell’erba.

L’Ashwagandha non dovrebbe mai essere usata da donne in gravidanza o in allattamento poiché vi sono risconti scientifici che rendono gli studiosi dubbiosi sulla possibilità di interazione con la gravidanza e l’allattamento, fino al rischio di poter causare aborti spontanei… meglio evitare.

Le persone che usano farmaci per il diabete, farmaci per la pressione sanguigna, farmaci che sopprimono il sistema immunitario, sedativi o farmaci per problemi alla tiroide non dovrebbero usare alcun integratore di ashwagandha, almeno non prima di aver consultato il loro medico. Quelli con ipertiroidismo possono notare un ulteriore aumento della funzione tiroidea quando assumono ashwagandha e dovrebbero farlo solo sotto la supervisione controllata di un medico, se non evitare del tutto di consumare questo prodotto.

È possibile che ashwagandha possa intensificare i sintomi di malattie autoimmuni come la sclerosi multipla, il lupus e l’artrite reumatoide.

In caso di intervento chirurgico che richieda l’anestesia, l’assunzione dell’Ashwagandha dovrebbe essere interrotta almeno due settimane prima.

Sull'autore

Paula

Mi chiamo Paula Calotti e sono nata a Rio De Janeiro, in Brasile. Mio padre è di Mantova, città in cui attualmente vivo, ma in me scorre sangue latino. Sono cresciuta con carne e capoeira, ho praticato tante altre arti marziali e giro per il mondo visitando fiere del fitness. Sono una personal trainer, ballerina di salsa nel tempo libero e fitness model per riviste di settore e brand d'abbigliamento sportivo. Ho aperto questo blog per raccontarvi della mia passione per la cura del corpo e della mente. La felicità parte proprio da qui.

Ti piacciono i rimedi naturali?

Inserisci la tua mail per avere importanti informazioni sulla salute psico-fisica e i rimedi naturali. Non inviamo pubblicità!

Complimenti! Invio effettuato.