Salute e rimedi

Dermatite seborroica: 7 trattamenti naturali

dermatite seborroica

La dermatite seborroica è un tipo di malattia della pelle che causa spesso secchezza del viso e prurito al cuoio capelluto. Può essere difficile riconoscerla o diagnosticarla poiché le reazioni cutanee che scatena sono simili a quelle della psoriasi, di altre forme di eczema o anche di reazioni allergiche.

Come molte altre patologie causate da risposte immunitarie anomale, i pazienti tendono a sperimentare i sintomi a singhiozzo. Ciò significa che la maggior parte di coloro che ne sono affetti ha episodi improvvisi seguiti da periodi in cui non si presenta alcuna anomalia. I pazienti hanno riferito spesso queste reazioni sono scatenate da fattori come:

  • Trauma, stress emotivo o depressione
  • Stanchezza e mancanza di sonno
  • Luoghi eccessivamente umidi/secchi
  • Infezioni sistemiche
  • Uso di determinati farmaci
  • Altri fattori di disturbo immunitario

Le malattie croniche della pelle possono portare a una diminuzione della qualità della vita e a disagi emotivi, specialmente se sfuggono di mano. Se sei affetto da questo disturbo scorri la pagina e scopri come affrontarla.

Che cos’è la dermatite seborroica?

La dermatite seborroica è una malattia cronica, ricorrente e infiammatoria della pelle caratterizzata da eritema e desquamazione della pelle. In realtà è una forma di eczema ed è anche nota come eczema seborroico. Di solito provoca sintomi come prurito, secchezza della pelle o untuosità e altri comuni cambiamenti nella struttura della pelle, come la forfora. A differenza di ciò che si pensa, non è contagiosa.

I sintomi appaiono più spesso in aree della pelle che normalmente hanno alte concentrazioni di ghiandole sebacee. Le parti del corpo che hanno maggiori probabilità di sviluppare prurito e altri sintomi sono:

  • Viso
  • Il cuoio capelluto
  • Orecchie
  • La parte superiore del petto
  • Schiena
  • Vicino al collo o alla clavicola
  • Qualsiasi piega del corpo, come vicino all’inguine

Non esiste una vera e propria cura per questa malattia. Tuttavia, gestendo le cause sottostanti con mezzi naturali, si può essere in grado di ridurre o invertire i sintomi in modo permanente. Questo però non significa che non si ripresenterà.

Segni e sintomi della dermatite seborroica

I segni e i sintomi più comuni della dermatite seborroica sono:

  • Macchie squamose e forfora sul cuoio capelluto.
    La forfora è particolarmente resistente e non risponde bene neanche a prodotti da banco come lo shampoo antiforfora o trattamenti oleosi.
  • Pelle rossa sensibile e molto secca.
    La dermatite seborroica irritata può far sì che la pelle molto secca diventi gialla o rosa in certe aree.
  • Desquamazione in aree della pelle con pieghe, o che sono solitamente grasse, compresa la “zona T” del viso (l’area composta da naso, mento e fronte), la parte superiore del torace e della schiena.
  • Eritema, che a volte appare come macule (una macchia scolorita della pelle) o altre come placche con scaglie.
  • È possibile che si verifichino infezioni batteriche secondarie se i batteri proliferano all’interno delle aperture della pelle.

Questa condizione colpisce anche un’alta percentuale di neonati e bambini. La dermatite seborroica può anche svilupparsi nella zona del pannolino ed è a volte scambiata per dermatite da pannolino.

Nei neonati, la malattia si risolve entro 3 o 4 mesi. Ma bambini con allergie alimentari non trattate possono continuare portare avanti i sintomi per anni.

Un’altra fase critica è la pubertà, quando i cambiamenti ormonali possono influenzare le ghiandole della pelle. L’incorrenza, però aumenta nuovamente negli adulti di età superiore ai 50 anni.

Cause e fattori di rischio della dermatite seborroica

Ma che cosa la causa? Sebbene gli esperti non siano ancora del tutto sicuri del perché si sviluppi, sembra essere correlata alla composizione delle secrezioni delle ghiandole sebacee della pelle e alla proliferazione dei lieviti di Malassezia, che possono causare risposte immunitarie anormali.

Il sebo è il componente della superficie della pelle che produce oli per mantenere la pelle adeguatamente idratata. Contiene elevate quantità di squalene, esteri di cera e trigliceridi che normalmente prevengono la secchezza. I cambiamenti nella composizione della superficie della pelle – insieme ad un sistema immunitario iperattivo – potrebbero innescare risposte anormali ai microbi sulla pelle.

I lieviti di Malassezia sono normalmente presenti nelle aree del corpo ricche di sebo come viso, cuoio capelluto, tronco e schiena. Ma nelle persone con dermatite seborroica, sembrano essercene di più. Nel frattempo lasciano sottoprodotti che causano l’irritazione e l’infiammazione della pelle.

Inoltre, si presenta spesso in persone che posseggono già un sistema immunitario compromesso. D’esempio sono malattie come l’HIV, malattie autoimmuni, allergie alimentari, disturbi dell’umore, infezioni ricorrenti o disturbi neurologici come il morbo di Parkinson. Infatti, colpisce circa l’11% degli adulti immuno-competenti e fino all’85-95% dei pazienti con l’HIV. Queste, di solito, hanno casi più intensi di dermatite seborroica e spesso non rispondono al trattamento standard con la stessa rapidità dei pazienti senza sistemi immunocompromessi.

Altri fattori di rischio includono:

  • Stress
  • Esperienze traumatiche
  • Scarsa esposizione alla luce solare
  • Cambiamenti ormonali

Trattamento convenzionale per la dermatite seborroica

Le opzioni convenzionali per il trattamento dei sintomi della dermatite seborroica, in particolare il sintomo più comune, la forfora, comprendono:

Shampoo medico

Ci sono diversi tipi di shampoo, acquistabili come farmaci da banco, che possono essere utili. Ce ne sono quattro tipi: a base di catrame di carbone, al solfuro di selenio, all’olio dell’albero del tè e al piritione di zinco. Lo shampoo all’olio di tè può essere utilizzato tutti i giorni. Gli altri tre tipi due volte a settimana.

  • Lo shampoo con catrame di carbone è un agente cheratolitico. Questi ammorbidiscono la cheratina sulla pelle e permettono alle cellule morte di essere eliminate più facilmente. Gli agenti cheratolitici contengono zolfo e acido salicilico. Quest’ultimo è particolarmente importante perché riduce l’infiammazione sulla pelle.
    Infatti è comunemente usato per curare l’acne.
    Gli effetti collaterali più comuni comprendono dermatite da contatto, follicolite e fotosensibilità.
  • Lo shampoo al solfuro di selenio ha lo scopo di aiutare a curare la dermatite seborroica combattendo le infezioni, alleviando il prurito della forfora e rimuovendola.
    Gli effetti collaterali più comuni includono l’alopecia, la decolorazione dei capelli e l’irritazione della pelle.
  • Lo shampoo all’olio dell’albero del tè utilizza le proprietà antifungine e antibatteriche dell’olio per trattare la malattia e la conseguente forfora, pur condizionando naturalmente la pelle. Questo trattamento è più efficace per le forme lievi.
    Tuttavia, alcune persone hanno segnalato effetti collaterali di dermatite allergica da contatto e irritazione.
  • Lo shampoo al piritione di zinco  è un altro agente antifungino e antibatterico comunemente prescritto ai pazienti con dermatite seborroica. È una delle opzioni meno costose.
    L’unico effetto collaterale noto è l’irritazione della pelle.

Agenti topici

I dermatologi spesso prescrivono creme, shampoo o gel per uso topico come farmaci per trattare i sintomi. Possiamo dividerli in categorie:

  • Shampoo antifungini
  • Corticosteroidi topici
  • Antifungini topici
  • Inibitori topici della calcineurina

Gli inibitori della calcineurina funzionano inibendo determinate reazioni del sistema immunitario che causano risposte infiammatorie.

Questi agenti hanno una serie di effetti collaterali noti, tra cui bruciore, tosse, febbre, atrofia cutanea, bruciore intestinale, infezioni delle vie respiratorie e sintomi simil-influenzali. Non si sa molto sugli effetti a lungo termine, quindi è meglio non usarli per periodi lunghi.

7  metodi naturali per curare la dermatite seborroica

1. Trattare la forfora.

La forfora è molto comune negli adulti e nei bambini. Ma questo non significa che sia del tutto normale averla. Gli studi suggeriscono che è un sovraccumulo di pelle morta. Le cause possono includere una bassa funzione immunitaria, una dieta carente di vitamine e sostanze chimiche aggressive presenti in alcuni shampoo. Il lievito Malassezia vive sugli scalpi della maggior parte degli adulti e può far crescere più cellule della pelle.

I trattamenti che puoi provare includono:

  • Applicare una combinazione di olio di cocco idratante e altri oli essenziali sul cuoio capelluto.
  • Non farsi lo shampoo troppo spesso e assicurarsi di lavare bene il cuoio capelluto.
  • Assumere cibi ricchi di antiossidanti, come bacche e verdure a foglia verde.
  • Usare un umidificatore se l’aria è molto secca.

2. Migliorare la funzione immunitaria

Come già accennato, una bassa funzione immunitaria e alti livelli di infiammazione (in combinazione con squilibri ormonali) sono alla base della maggior parte delle malattie della pelle. Le irritazioni cutanee sono spesso causate, o almeno peggiorate, dallo stress cronico, dalla depressione, dall’ansia e dall’affaticamento. Per migliorare la risposta immunitaria, prova a seguire questi consigli:

  • Dormi almeno sette o otto ore a notte.
  • Fai esercizio regolarmente.
  • Prendi in considerazione l’assunzione di integratori come acidi grassi omega-3 e probiotici.
  • Trascorri un po’ più di tempo all’aria aperta o al sole ogni giorno.
  • Non rinunciare agli hobby e alle relazioni.
  • Prova attività come meditazione, yoga, preghiera, lettura, scrittura o volontariato.
  • Prendi in considerazione l’utilizzo di erbe adattogene: aiutano il corpo a gestire lo stress e controllano i livelli di cortisolo.
  • Consuma cibi anti-infiammatori, come aglio, aceto di sidro di mele, banana, avocado, semi di lino, zenzero e olio di cocco.

3. Ridurre l’assunzione di alimenti infiammatori e allergenici

Per aiutare a controllare l’infiammazione, è importante una dieta sana. Mangia cibi integrali, riduci al minimo l’assunzione di alimenti confezionati e lavorati, noti per peggiorare le reazioni autoimmuni e le allergie, tra cui:

  • Zuccheri aggiunti e bevande zuccherate.
  • Oli trattati come mais, soia, canola, cartamo e olio di girasole.
  • Cibi fritti e grassi.
  • Se sei un soggetto allergico, alimenti come cereali raffinati prodotti con grano, prodotti lattiero-caseari, crostacei e arachidi.

4. Rimanere idratati

Assicurati di fornire alla pelle sufficiente idratazione bevendo molta acqua tutti i giorni. Evita di consumare cibi salati, alcool, caffeina o bevande zuccherate, che possono contribuire a seccare la pelle. Prova alternative come acqua di cocco, tè verde e frullati o succhi fatti in casa.

5. Oli essenziali

L’olio di cocco contiene acidi grassi, tra cui acido laurico e acido caprico, e ha forti proprietà antivirali, antimicrobiche e antimicotiche. È stato dimostrato che applicandolo sulla pelle aiuta a ridurre l’eccesso di lieviti, microbi e funghi che possono causare irritazioni, oleosità o secchezza. Ancora meglio, usa l’olio di cocco sulla pelle insieme agli olii essenziali lenitivi – come l’olio di cedro, di citronella, di rosmarino, di albero del tè e di lavanda.

Per trattamento fai-da-te efficace puoi unire 8 gocce di olio di cedro, 8 gocce di olio di rosmarino, 6 gocce di olio dell’albero del tè, 1 cucchiaino di miele e 100 ml olio di cocco. Massaggia la zona interessata, compreso il cuoio capelluto, e lascia agire per circa 15-20 minuti, quindi risciacqua. Questi oli posseggono proprietà antivirali, antibatteriche e antimicotiche, proprio come l’olio di cocco. Inoltre possono ridurre l’infiammazione e trattare le infezioni.

6. Integratore allo zinco

Essere carenti di zinco è una condizione più comune di quanto si possa credere. Eruzioni cutanee e irritazioni della pelle sono due dei segni più comuni di questa carenza.

Lo zinco è anche incluso in alcuni agenti topici usati per trattare la dermatite seborroica. Tuttavia, si sta facendo più attenzione ad utilizzare gli integratori per uso orale. Assumerlo potrebbe portare a eliminare o alleviare i problemi che causa.

7. Evitare cosmetici irritanti

Applicare regolarmente prodotti carichi di sostanze chimiche sulla pelle può peggiorare i sintomi della dermatite. Anche la pulizia eccessiva della pelle potrebbe peggiorare le cose.

Usa il più possibile prodotti naturali e biologici. Presta particolare attenzione ad evitare shampoo commerciali con prodotti chimici se soffri di forfora. La maggior parte dei cosmetici contiene sostanze chimiche dannose. Per pulire, tonificare e idratare la pelle, affidati a prodotti naturali come aceto di sidro di mele, olio dell’albero del tè, amamelide, burro di karitè e gel di aloe vera. È anche importante stare attenti ad altre cause di dermatite da contatto, tra cui:

  • Edera velenosa o quercia velenosa.
  • Saponi profumati, detersivi, shampoo, profumi e lozioni.
  • Lattice (se sei allergico).
  • Attento anche a prodotti naturali che potrebbero scatenare delle allergie.

Dermatite seborroica e psoriasi del cuoio capelluto

La dermatite seborroica può essere accompagnata da altri disturbi dermatologici, che possono rendere difficile il trattamento. La buona notizia, tuttavia, è che molti degli stessi trattamenti vanno bene anche per altre malattie come eczema e psoriasi.

La dermatite seborroica precoce può essere distinta dalla psoriasi del cuoio capelluto perché appare “spongiforme”, ovvero si presenta con i pori allargati. Inoltre, può dare un aspetto grasso della pelle, mentre la psoriasi di solito ne provoca la secchezza.

Precauzioni nel trattamento della dermatite seborroica

Gli esperti dicono che, poiché la dermatite tende ad essere cronica, i pazienti devono essere consapevoli della sua ricorrenza e che la malattia può insorgere anche dopo un trattamento effettuato con successo. È importante fare visita ad un dermatologo prima di agire in qualsiasi modo.

Il medico sarà in grado di effettuare una diagnosi differenziale tra la dermatite seborroica e altre malattie come la psoriasi, la rosacea, la dermatite Demodex, l’eczema atopico, la dermatite da contatto e le infezioni da tinea. Conoscere il tipo specifico di patologia della pelle che hai, così come le cause sottostanti, eviterà l’aggravamento dei sintomi.

Sull'autore

Paula

Mi chiamo Paula Calotti e sono nata a Rio De Janeiro, in Brasile. Mio padre è di Mantova, città in cui attualmente vivo, ma in me scorre sangue latino. Sono cresciuta con carne e capoeira, ho praticato tante altre arti marziali e giro per il mondo visitando fiere del fitness. Sono una personal trainer, ballerina di salsa nel tempo libero e fitness model per riviste di settore e brand d'abbigliamento sportivo. Ho aperto questo blog per raccontarvi della mia passione per la cura del corpo e della mente. La felicità parte proprio da qui.

Ti piacciono i rimedi naturali?

Inserisci la tua mail per avere importanti informazioni sulla salute psico-fisica e i rimedi naturali. Non inviamo pubblicità!

Complimenti! Invio effettuato.