Cibi e natura

Dieta liquida dei centrifugati e dieta dei frullati

dieta dei frullati

Parlando della dieta dei centrifugati o della dieta dei frullati si parla di tipi di dieta liquida. La dieta liquida è un regime alimentare che si basa unicamente su cibi in forma liquida da assumere come bevande. Lo scopo di questa dieta è senz’altro ottenere un rapido dimagrimento, anche se in alcuni casi viene utilizzata dagli specialisti per riallineare i parametri metabolici alterati o per preparare il corpo a esami endoscopici. Nella dieta liquida i pasti dovrebbero essere sostituiti dall’assunzione di centrifughe, frullati e succhi di frutta. Le diete liquide non sono da effettuare mai di propria iniziativa e si differenziano in due tipi: totalmente liquide che non prevedono l’ingestione di alcun cibo solido e parzialmente solide che prevedono spuntini solidi o un pasto solido all’interno della giornata. Essendo tipi di dieta ipocalorica, queste diete liquide consentono di perdere peso in proporzione ai cibi usati.

Aspetti negativi della dieta liquida

La dieta dei frullati come la dieta dei centrifugati e in generale tutte le diete liquide, hanno diversi aspetti negativi. Innanzitutto determinano scelte alimentari e abitudini alimentari scorrette e spesso sono carenti di nutrimenti essenziali per la vita quotidiana come amminoacidi, vitamine e fitoelementi.

La dieta liquida deve essere necessariamente elaborata da un dietologo o un nutrizionista in quanto devono essere messe in equilibrio i nutrienti necessari e questo richiede la realizzazione di una dieta su misura, considerando i soliti valori come età, peso, attività fisica giornaliera, etc.

In caso di assenza di sorveglianza medica, le diete liquide possono portare scompensi importanti e compromettere lo stato di salute. Inoltre questo tipo di diete è fortemente sconsigliata in caso di malattie gravi o croniche e in caso di gravidanza e allattamento.

La dieta liquida: i centrifugati e i frullati

Dopo la dovuta introduzione e l’aver messo in guardia sui pericoli che si corrono inseguendo un dimagrimento veloce che non è mai una saggia scelta, andiamo ora a parlare della dieta liquida e della dieta dei centrifugati e dei frullati.

La dieta dei centrifugati e dei frullati è fortemente ipocalorica, soprattutto se alle bevande non viene aggiunto dello zucchero per aggiustarne la dolcezza. In genere questa dieta è consigliata per soli due giorni e ha il pregio di ridurre la ritenzione idrica e aumentare la diuresi. Oltre ai succhi e ai frullati e alle centrifughe non bisogna dimenticare di assumere almeno due litri di acqua al giorno.

Quali cibi evitare e quali utilizzare nella dieta liquida

Durante la dieta dei centrifugati e dei frullati ci sono delle bevande da evitare totalmente come il caffè o il latte mentre si possono bere tisane e tè caldi per aiutare la pulizia di stomaco e intestino. Facilmente sarà indicato un integratore alimentare nel momento in cui vi viene assegnata una dieta del genere per sopperire alle mancanze che si possono avere durante la giornata con una dieta liquida.

Pensando ad una dieta liquida ma non totalmente, si può aggiungere alla dieta la frutta come spuntino per il pomeriggio o per la merenda di mezza mattinata.

Esempi di dieta liquida

Come abbiamo già detto, la dieta liquida si basa su due giorni durante i quali l’ingestione di cibi solidi è limitata se non del tutto evitata. Qui di seguito andremo a fare un esempio di dieta liquida che non deve essere considerata un consiglio da seguire o uno spunto per la vostra dieta. Ripetiamo che questo tipo di diete può essere molto pericoloso e deve essere indicata specificatamente per ogni persona solamente da un dietologo: insomma una dieta su misura da fare in tutta sicurezza.

Esempio di dieta: primo giorno

Colazione: un frullato fatto totalmente di frutta. Gli abbinamenti dipendono soprattutto dai vostri gusti e dai nutrienti necessari indicati dal dietologo. Un frullato di frutta di stagione potrebbe essere una buona idea.

Pranzo: una centrifuga di verdure, divertitevi ad aggiungere colori: peperoni rossi o gialli, carote arancioni o le diverse verdure verdi.

Cena: in questo pasto si può scegliere se centrifugare verdure o prevedere un pasto solido. Se sarà previsto un pasto solido, possiamo pensare a verdure cotte al vapore con dei tranci di pesce. Un filo di olio è permesso.

Merenda e spuntini: pensando a spuntini solidi, potreste mangiare un frutto come la mela o la banana.

Esempio di dieta: secondo giorno

Colazione: come la colazione del giorno precedente, un bel frullato di frutta senza aggiungere zucchero o latte.

Pranzo: una ricca centrifuga come il giorno precedente.

Cena: lo stesso discorso della sera precedente. Si può variare pensando al petto di pollo o alla fesa di tacchino alla piastra.

Merenda e spuntini: pensando a spuntini solidi, se non vi va della frutta, potreste provare con delle carote o dei gambi di sedano.

Le informazioni riportate in questo articolo non sono da considerarsi consigli medici ma al solo fine illustrativo. Le soluzioni cercate su internet non possono sostituirsi ad esami medici specifici e al consulto di un medico specialista.