Salute e rimedi

Esofago di Barrett: quando si verifica e come trattarlo

bruciore esofago

L’esofago di Barrett, chiamato anche morbo di Barrett, è una malattia in cui le cellule dell’esofago si modificano e diventano come le cellule dell’intestino. Una volta che il tessuto è cambiato, è più probabile che si sviluppi un raro tipo di cancro, l’adenocarcinoma esofageo. Tuttavia, la maggior parte delle persone affette da questa condizione non sviluppa necessariamente il cancro.

L’esofago di Barrett si sviluppa spesso nelle persone che hanno avuto il reflusso gastroesofageo per molto tempo. L’acido che fuoriesce dallo stomaco irrita il tessuto della tubatura e ne determina il cambiamento. Spesso questo cambiamento è asintomatico, oppure possono verificarsi alcuni sintomi tipici del reflusso.

Di solito non incide sui bambini. Oltre a controlli regolari per la ricerca di cellule cancerose, il trattamento mira a gestire i sintomi del reflusso e rimuovere le cellule cancerose o pre-cancerose. Ma un sollievo può essere ottenuto anche da cambiamenti nella dieta.

Cos’è l’esofago di Barrett?

Con l”esofago di Barrett il tessuto dell’esofago inizia ad assomigliare ai tessuti dell’intestino. Il cambiamento in sè non causa alcun problema. L’esofago continuerà a spingere il cibo dalla bocca allo stomaco. Tuttavia, le cellule modificate hanno maggiori probabilità di trasformarsi in  cellule cancerose.

Può essere di due tipi:

  • Esofago di Barrett senza displasia
  • Esofago di Barrett con displasia

La displasia può essere:

  • Di alto grado
  • Di basso grado

Displasia” è la parola usata per descrivere le cellule con la possibilità di trasformarsi in cellule cancerose. Sono anche chiamate cellule precancerose. “Basso grado” significa che ci sono piccoli segni. “Alto grado” che molti cambiamenti indicano che le cellule stanno per diventare tumorali.

Essere affetto dall’esofago di Barrett significa avere il cancro?

No. La diagnosi indica solo solo che è più probabile che si abbia una rara forma di cancro esofageo. Tuttavia, anche con la malattia di Barrett, il rischio di contrarre il cancro è molto basso.

C’è una cura?

, ma nella maggior parte dei casi, non è necessaria. Molte persone non sanno nemmeno di esserne affette. Per il tipo senza displasia, l’unica cura è l’alleviamento dei sintomi per i bruciori di stomaco.

Con displasia, invece, alcuni trattamenti possono eliminare le cellule precancerose o la porzione dell’esofago con la malattia. In questo modo si può effettivamente guarire. Tuttavia, la malattia può ritornare, se non si è fatta attenzione nell’eliminazione del tessuto modificato.

Segni e sintomi

Non ci sono sintomi evidenti per questa malattia. La certezza nella diagnosi si ha con una esofagoscopia o una biopsia. Tuttavia, la malattia si verifica spesso nelle persone con reflusso gastroesofageo, che presenta sintomi e può portare alla condizione.

Questi sono:

  • Frequenti bruciori di stomaco
  • Difficoltà a deglutire
  • Dolore al petto (raro)

Sintomi del cancro

Se la condizione porta al cancro, i sintomi possono includere:

  • Dolore o difficoltà a deglutire
  • Perdita di peso involontaria
  • Singhiozzo
  • Voce rauca
  • Tosse persistente
  • Stanchezza
  • Vomito
  • Feci sanguinanti e di colore scuro

Rivolgiti immediatamente al tuo medico se presenti vomito o feci sanguinanti o nere.

Cause e fattori di rischio

La causa esatta è sconosciuta. Tuttavia, ci sono diversi fattori di rischio che aumentano le possibilità di svilupparlo.

Questi includono:

  • Malattia da reflusso gastroesofageo
  • Fumare o essere un ex fumatore
  • Avere più di 50 anni
  • Fattori genetici
  • Essere maschi
  • Essere caucasici

Ci sono cose che possono proteggerti da questa malattia, anche se non è chiaro come. I possibili fattori che possono ridurre il rischio di contrarre l’esofago di Barrett includono:

  • Avere un’infezione da Helicobacter pylori
  • Prendere aspirine o farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS)
  • Fare una dieta ricca di frutta, verdura e vitamine

Ovviamente solo il terzo fattore è raccomandabile come prevenzione.

Trattamento convenzionale

Sebbene non esista una cura specifica, esistono diverse terapie che possono essere utilizzate per trattarlo.

A meno che tu non abbia cellule precancerose, l’obiettivo del trattamento è di solito quello di alleviare i sintomi del bruciore di stomaco e del reflusso. Ci saranno anche vari controlli per il cancro. Potete aspettarvi questi metodi di sorveglianza e trattamento:

  • Endoscopia periodica (che permette di guardare in gola con un tubo lungo e sottile dotato di una fotocamera all’estremità)
  • Biopsie periodiche del tessuto per verificare la presenza di cellule cancerose o precancerose (eseguite contemporaneamente all’endoscopia)
  • Farmaci per il reflusso acido da prescrizione o da banco (chiamati inibitori della pompa protonica). Questi includono omeprazolo, lansoprazolo, pantoprazolo, rabeprazolo, esomeprazolo e dexlansoprazolo

Se vi è una displasia, il medico può raccomandare una terapia ablativa. Ciò significa che riceverai un trattamento per eliminare le cellule precancerose. Dopo la terapia, il tuo corpo dovrebbe ricominciare a produrre le normali cellule esofagee. Le terapie ablative includono:

  • Terapia fotodinamica. Insieme a un’endoscopia si userà un laser per uccidere le cellule precancerose.
    Prima dell’endoscopia, viene iniettata una sostanza chimica che reagisce alla luce (chiamata porfimer). Quando il laser colpisce le cellule dell’esofago durante l’endoscopia, le uccide attivando la sostanza chimica.
  • Terapia del calore. Le onde radio ad altissima frequenza vengono puntate alle cellule precancerose e cancerose del tuo esofago.
  • Congelamento. Questo utilizza un processo chiamato crioablazione o crioterapia per congelare e distruggere le cellule precancerose.

Trattamenti chirurgiche

Se i trattamenti di sopra non sono una buona opzione, se hai il cancro, o se il tuo medico ritiene che il tessuto debba essere rimosso per prevenirlo, potresti essere subire un intervento chirurgico. Esistono due tipi di procedure chirurgiche che possono essere eseguite per trattare la malattia:

  • Resezione della mucosa endoscopica. Il medico toglierà lo strato di tessuto di Barrett dall’esofago. Il resto del tubo rimane intatto e dovrebbe rigenerarsi del tessuto sano dopo il trattamento.
  • Esofagectomia. Asportazione totale o parziale dell’esofago, eseguita in anestesia generale. La sezione mancante verrà ricostruita usando del tessuto dallo stomaco o dall’intestino crasso. Questo intervento richiede una degenza ospedaliera di una o due settimane e non è un’opzione per tutti. Dato che è molto invasivo, è spesso l’ultima spiaggia e viene adoperata solo in casi estremi.  Tuttavia, può rimuovere il cancro esofageo e può eliminare l’esofago di Barrett.

4 metodi naturali per gestire l’esofago di Barrett

Questi modi naturali possono aiutare ad alleviare i sintomi correlati al reflusso dell’esofago di Barrett. Inoltre, possono prevenire la formazione del cancro.

  • Smettere di fumare
  • Raggiungere e mantenere un peso sano
  • Tieni la testa più alta a letto
  • Seguire una dieta ideale

1. Smetti di fumare

Il fumo è uno dei principali fattori di rischio prevenibili per lo sviluppo del cancro esofageo dopo la diagnosi di Barrett. I fumatori attivi sono a maggior rischio di sviluppare il cancro esofageo rispetto alle persone che hanno smesso. Ciò significa che, smettendo, puoi ridurre le possibilità di contrarre il cancro. Smettere di fumare può anche ridurre i bruciori di stomaco e i sintomi correlati al reflusso.

2. Raggiungere e mantenere un peso sano

Le persone in sovrappeso o obese hanno maggiori probabilità di contrarre il reflusso. Uno studio del 2013 ha rilevato che le persone che perdono peso possono guarirne completamente.  Potresti anche ottenere molti altri benefici per la salute, come una maggiore resistenza e forza fisica, più energia e una minore probabilità di molte altre malattie. Essere obesi aumenta anche il rischio di sviluppare il cancro esofageo.

3. Tieni la testa più alta a letto

Metti zeppe o blocchi sotto la testa del materasso per tenerlo sollevato. Non usare solo più cuscini sotto la testa, poiché alzare il materasso è un metodo molto più efficace.

h4: 4. Seguire una dieta per alleviare il reflusso acido

La ricerca dimostra che una dieta ricca di frutta e verdura è riesce a proteggere dal reflusso in maniera efficace, di conseguenza è utile anche contro il cancro.

Semplici modi per alleviare i sintomi da reflusso acido, che possono interessare molte persone con l’esofago di Barrett, sono:

  • Evitare alcol, caffè, agrumi, cioccolato, pomodori e menta
  • Evitare cibi piccanti o ricchi di grassi
  • Mangiare molte verdure, farina d’avena e carni magre
  • Stare in piedi due ore o più dopo aver mangiato

Precauzioni

L’esofago di Barrett può portare al cancro esofageo. Per questo motivo, è essenziale controllarsi di frequente. Parlate con il vostro medico del programma che più si adatti a voi. Inoltre, dovresti parlarci anche per introdurre eventuali cambiamenti nello stile di vita.

Sull'autore

Paula

Mi chiamo Paula Calotti e sono nata a Rio De Janeiro, in Brasile. Mio padre è di Mantova, città in cui attualmente vivo, ma in me scorre sangue latino. Sono cresciuta con carne e capoeira, ho praticato tante altre arti marziali e giro per il mondo visitando fiere del fitness. Sono una personal trainer, ballerina di salsa nel tempo libero e fitness model per riviste di settore e brand d'abbigliamento sportivo. Ho aperto questo blog per raccontarvi della mia passione per la cura del corpo e della mente. La felicità parte proprio da qui.

Ti piacciono i rimedi naturali?

Inserisci la tua mail per avere importanti informazioni sulla salute psico-fisica e i rimedi naturali. Non inviamo pubblicità!

Complimenti! Invio effettuato.