Salute e rimedi

Intolleranza all’istamina: cos’è e come combatterla

istamina intolleranza

Per alleviare i sintomi allergici, molte persone cercano rimedi naturali, anche se non sempre sono efficaci. Spesso vengono tutte identificate come “allergie alimentari”, ma la diagnosi può essere difficile.

Il problema potrebbe essere l‘intolleranza all’istamina. Mentre pochi sono a conoscenza di questo disturbo, molti stanno cominciando ad accorgersene. Al momento, la ricerca suggerisce che almeno l’1% della popolazione ne soffre, la maggior parte delle quali (l’80%) sono donne di mezza età.

Come molte altre condizioni, l’intolleranza all’istamina è considerata relativamente rara semplicemente perché i medici non ne riconoscono l’esistenza.

Cos’è l’intolleranza all’istamina?

Secondo la rivista tedesca Deutsches Ärzteblatt International, l’intolleranza all’istamina è uno “squilibrio dell’istamina accumulata e della capacità di degradazione della stessa”. In sostanza, i pazienti non sviluppano una particolare sensibilità all’istamina, semplicemente ne hanno troppa. Diversi fattori contribuiscono nel corpo in questo accumulo e nella maggior parte dei casi la molecola non viene degradata o scomposta in maniera naturale.

Sebbene molte persone associno l’istamina solo alle risposte allergiche, in circostanze normali è una molecola essenziale che copre tre importanti funzioni.

  • È un neurotrasmettitore, un messaggero chimico, che passa da un neurone all’altro nel sistema nervoso.
  • È un componente dell’acido gastrico che aiuta ad abbattere il cibo.
  • È un meccanismo di risposta infiammatoria, dilata i vasi sanguigni per consentire ai globuli bianchi di raggiungere rapidamente e neutralizzare gli invasori.

Tuttavia, quando i livelli di istamina diventano troppo alti, il risultato finale è un problema per la qualità della vita.

Ci sono due principali enzimi nel corpo che degradano l’istamina. Uno è N-metiltransferasi (HMT), che si occupa dell’istamina nel sistema nervoso centrale L’altra è la diammina ossidasi (DAO), che è responsabile della decomposizione dell’istamina ingerita negli alimenti.

La seconda è la principale responsabile dell’intolleranza. L’incapacità da parte della diammina ossidasi di degradare l’istamina in eccesso si traduce permette il comparire dei sintomi.

Da cosa può essere determinata?

  • Può essere ridotta a causa di alcune malattie gastrointestinali.
  • Alcuni farmaci, sia da banco che da prescrizione, contribuiscono a bloccarla e prevenirne la produzione.
  • Alcuni alimenti hanno la capacità di bloccarla
  • Molti alimenti hanno alti livelli di istamina e contribuiscono all’accumulo.
  • Altri cibi aggravano ulteriormente il problema perché hanno la capacità di innescare il rilascio dell’istamina all’interno del corpo anche se non la contengono.

Sintomi dell’intolleranza da istamina

Quando il corpo raggiunge livelli troppo elevati di istamina, si verificano una vasta gamma di sintomi. Molti di questi, elencati di seguito, sono simili ai sintomi allergici, quindi è necessario verificare l’intolleranza all’istamina quando tali reazioni compaiono.

  • Crampi addominali
  • Ciclo mestruale anomalo
  • Ansia
  • Problemi respiratori
  • Congiuntivite
  • Difficoltà ad addormentarsi
  • Disturbi digestivi
  • Vertigini
  • Affaticamento risciacquo
  • Mal di testa o emicranie
  • Reflusso acido
  • Ipertensione (alta pressione sanguigna)
  • Ipotensione (bassa pressione sanguigna)
  • Pizzicore
  • Nausea o vomito
  • Congestione nasale
  • Starnuti
  • Tachicardia (battito cardiaco accelerato)
  • Disregolazione della temperatura
  • Gonfiore o infiammazione tissutale
  • Orticaria (alveari)

Chiaramente, l’ampia gamma di sintomi può portare alla ricerca di un certo numero di condizioni prima che l’intolleranza all’istamina venga presa in considerazione. In molti casi, il problema è ulteriormente aggravato dal fatto che le persone continuano a consumare quella che è normalmente considerata un’alimentazione sana e nutriente e le carenze dello stile di vita non sono immediatamente rilevanti.

Per molte persone, una diagnosi accurata può richiedere molto tempo, il che è frustrante sia per il paziente che per il medico.

Quali sono le cause delle reazioni istaminiche?

Diversi fattori apparentemente non correlati possono portare all’intolleranza dell’istamina. Questi includono il blocco della diammina ossidasi, i disordini gastrointestinali, la proliferazione batterica e persino i raggi ultravioletti.

Blocco della diammina ossidasi

Come già discusso, questo blocco non pemette di sintetizzare bene l’istamina. Molti cibi ne sono ricchi e, se qualcuno ha una quantità ridotta di DAO, si possono manifestare sintomi di intolleranza.

Disordini gastrointestinali

Varie malattie gastrointestinali possono essere a causa dell’intolleranza all’istamina:

  • Sensibilità al glutine
  • Sindrome da intestino debole
  • Morbo di Crohn
  • Colite ulcerosa
  • Malattia infiammatoria intestinale
  • Ipertrofia batterica dell’intestino tenue

Proliferazione batterica

C’è chi crede che l’intolleranza all’istamina sia causata dalla proliferazione eccessiva dei batteri che producono l’istamina a partire dal cibo. Questo spiegherebbe perché così tante persone possono soffrire delle condizioni gastrointestinali sopra elencate.

Ultravioletti

Altre ricerche indicano che i raggi UV possono determinare il rilascio di istamina. Uno studio ha scoperto che questa particolare reazione potrebbe anche essere favorita da alcuni composti della fenotiazina, che si trovano nei farmaci prescritti relativi a trattamenti psichiatrici per un ampio spettro di patologie. Ci sono numerosi farmaci che possono influenzare la scomposizione dell’istamina. Qualsiasi paziente in terapia per le condizioni sottostanti e affetto da ricorrenti sintomi allergici dovrebbe verificarne l’intolleranza:

  • Farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS)
  • Modulatori immunitari
  • Antidepressivi e antipsicotici
  • Antistaminici
  • Antiaritmici

Come combattere l’intolleranza

Quando l’intolleranza si sviluppa a causa, ad esempio, di un farmaco, il problema è relativamente facile da diagnosticare e trattare. Tuttavia, per altre cose le cose potrebbero non essere così semplici. Alcuni pazienti scelgono di testare i livelli DAO, ma il test non è disponibile ovunque.

Ecco quattro strategie che puoi seguire se pensi di soffrire di intolleranza all’istamina:

1. Dieta di eliminazione

Uno dei primi passi per molte persone è quello di seguire una dieta di eliminazione. Tutti i cibi ad alto contenuto di istamina vengono rimossi dalla dieta per un periodo da uno a tre mesi per vedere se i sintomi diminuiscono. Questi alimenti vengono quindi reintrodotti gradualmente per monitorarne le reazioni.

2. Supplemento DAO

Un’altra opzione che molti pazienti trovano non solo accettabile, ma anche preferibile, è semplicemente quella di aumentare i loro livelli di DAO assumendo degli integratori. Non è un’opzione economica, tuttavia, per molti può significare un miglioramento della qualità della vita.

3. Dieta a basso contenuto proteico

Poiché l’istamina è costituita da aminoacidi derivati ​​da proteine, ne consegue che gli alimenti ricchi di queste influenzano i livelli di istamina.

4. Dieta a basso contenuto di istamina

Non solo si dovrebbero evitare cibi ricchi di proteine, ma anche altri che possono aggravare l’intolleranza, come:

  • Alcol e altre bevande fermentate
  • Gli agrumi – arance, limoni, lime e pompelmo
  • Qualsiasi alimento contenente coloranti o conservanti artificiali
  • Bacche
  • Cioccolato e cacao
  • Frutta secca
  • Prodotti lattiero-caseari fermentati, tra cui formaggi e yogurt
  • Alimenti fermentati, come sottaceti, condimenti, crauti
  • Carni lavorate
  • Funghi
  • Frutti di mare
  • Spinaci
  • Spezie – tra cui curry in polvere, pepe di Caienna, peperoncino, chiodi di garofano, cannella e noce moscata
  • Pomodori – freschi, in scatola, passati o in salse
  • Aceto e prodotti correlati – ad esempio, ketchup e senape
  • Lievito

Prima, tuttavia, bisogna tenere in considerazione il fatto che gli esseri umani hanno consumato tali alimenti per secoli senza sviluppare effetti collaterali negativi. Quelli dannosi sono principlamente i prodotti lavorati.

Alimenti dietetici a bassa istamina

Per molti, l’unica alternativa è eliminare non solo cibi ricchi di istamina, ma anche quelli che bloccano la DAO insieme a quelli che danno inizio alla sintesi dell’istamina. Se segui questo percorso, le opzioni sono piuttosto limitate. Ecco a quali alimenti puoi affidarti:

  • Pesce fresco
  • Carni e pollame, ma solo se sono appena cotti
  • Uova
  • Riso e quinoa senza glutine
  • Frutta fresca – mela, melone, uva, kiwi, mango, pera, anguria
  • Verdura fresca, tranne avocado, melanzane, spinaci, pomodori
  • Burro di arachidi
  • Sostituti al latte – latte della mandorla, della noce di cocco, della canapa e del riso
  • Olio d’oliva e olio di cocco per cucinare
  • Verdura a foglia verde
  • Tè alle erbe

La lista è breve, eppure ci sono varie soluzioni accettabili per l’intolleranza all’istamina. Potrebbe essere necessario del tempo per risolvere i problemi, ma una volta raggiunta una diagnosi, il primo ostacolo viene superato e le terapie naturali possono iniziare a combattere le cause profonde di quest’intolleranza.

Sull'autore

Paula

Mi chiamo Paula Calotti e sono nata a Rio De Janeiro, in Brasile. Mio padre è di Mantova, città in cui attualmente vivo, ma in me scorre sangue latino. Sono cresciuta con carne e capoeira, ho praticato tante altre arti marziali e giro per il mondo visitando fiere del fitness. Sono una personal trainer, ballerina di salsa nel tempo libero e fitness model per riviste di settore e brand d'abbigliamento sportivo. Ho aperto questo blog per raccontarvi della mia passione per la cura del corpo e della mente. La felicità parte proprio da qui.

Ti piacciono i rimedi naturali?

Inserisci la tua mail per avere importanti informazioni sulla salute psico-fisica e i rimedi naturali. Non inviamo pubblicità!

Complimenti! Invio effettuato.