Salute e rimedi

Itterizia: cause e soluzioni alla pella gialla

ittero-pelle-gialla

Quando sentite parlare di pelle gialla, oppure di colorazioni di occhi e mucose giallastre, vi trovate di fronte ad una particolare tipologia di sintomo. Questa patologia si riscontra abbastanza frequentemente in età adulta, in tempi antichi, in alcune civiltà, chi era affetto da questa patologia che lo portava ad avere una colorazione giallastra veniva visto come la reincarnazione di un individuo che aveva commesso un furto nella vita passata. Ma andiamo a vedere in modo dettagliato come è possibile lo sviluppo di questa patologia e quali sono i rimedi naturali per ovviare ad essa.

Ittero o Itterizia: le cause di questa patologia

Andiamo alla definizione vera e propria di questa malattia, difatti per itterizia (o Ittero) viene intesa una colorazione della pelle e delle mucose di colore giallo, dovuto ad un pigmento biliare cioè la bilirubina che entra in circolo e nei tessuti. La presenza però solamente di bilirubina in circolo, non provoca particolari disturbi, solamente se entrano in circolo altri particoli componenti della bile. Solitamente l’itterizia è causata da un insufficienza epatica e solitamente questa patologia si può distinguere in Ittero pro-Epatico e Ittero post-Epatico. Da attenzionare anche che ci sono colorazioni gialli della pelle, che non sono date dall’effetto della Bilirubina (quinti Itterizie false), ma solamente da alcuni pigmenti vegetali. Fortunatamente, solamente in alcuni casi questa patalogia ha una degenerazione, tuttavia estisono anche vecchi rimedi natulari che andremo a vedere in seguito. Prima di continuare l’esplorazione dell’Ittero, è doveroso precisare cosa sia la Bilirubina.

Bilirubina: che cos’è?

Leggendo questo articolo, ti ritroverai più volte ad incontrare il termine Bilirubina, vediamo nello specifico di cosa si tratta e come si fa a monitorare questo valore.

La Bilirubina è una componente della bile, prodotta in seguito alla distruzione dei globuli rossi. Per far si che arrivi al fegato deve unirsi all’albumina, e li avremo una bilirubina indiretta, successivamente si coniuga con l’acido glucuronico, quindi avremo una bilirubina diretta e solubile pronta da espellere dalla bile o dalle urine. Tenere sotto controllo i nostri valori di Bilirubina è molto semplice, basta una normale analisi del Sangue.

analisi della

Itterizia Neonatale

Questo tipo di Ittero viene considerato fisiologico, poiché viene riscontrato come si può evincere dal nomenclatura nei neonati, questo a causa delle scarse capacità epatiche essendo il fegato ancora immaturo. Solitamente i valori di bilirubina si assestano senza nessun intervento, di fatti questa malattia nei neonati può durare dagli 8 ai 14 giorni, per poi avere un assestamento progressivo senza bisogno alcuno di intervenire. La Bilirubina però in età neonatale se supera una vasta presenza, rischia di arrecare gravi danni anche al sistema nervoso centrale, e può anche essere un avvertenza per malattie futura a livello dentale. L’unico trattamento che viene fatto è una intensa esposizione a luce blu, detta anche fototerapia.

Ittero pre-Epatico o Emolitico

Questa tipologia di Itterizia si riscontra quando si ha un aumento di produzione di bilirubina oppure il fegato non riesce a effettuare il processo di unione con l’acido glucuronico. L’aumento di produzione della bilirubina può avvenire in presenza di malattie del sangue, questa infatti aumenta in corso di emolisi, cioè quando si ha un aumento di distruzione di globuli rossi.

Questa si può riscontrare in:
Aumento di stress ossidativo in corrispondenza a deficit enzimatici dei globuli rossi (Favismo);
Trasfusione di Sangue non compatibile;
Anemia emolitica auto-immune;
Emolisi neonatale;
Sindrome di Gilbert;

Ittero post-Epatico o Colestatico

Questa avviene a causa di una colestasi, cioè quando la bilirubina viene regolarmente prodotta, ma ha difficoltà di passaggio e successivamente incontra difficoltà di smaltimento tramite le feci.

Questo porta ad altri sintomi e segni che sono presenti in questo tipo di Itterizia:
Urine di colore scuro, dato dalla Bilirubina diretta che viene espulsa;
Feci ipocoliche o acoliche, dovute al colore dei pigmenti biliari;
Prurito, dati dai sali biliari che si vanno a depositare a livello cutaneo;

Questo tipo di Ittero può anche presentarsi a livello ostruttivo, tra le principali cause possiamo annotare:
Neoplasie delle vie biliari;
Calcolosi;
Papilliti;
Odditi;
Pancreatiti Croniche;
Cisti;
Neoplasie via Biliare extra-epatica;
Compressioni ab extrinseco;
Sindrome di Dubin-Johnson;
Sindrome di Rotor.

Rimedi Naturali per l’Ittero (Itterizia)

L’itterizia è più un sintomo che una malattia e deve essere curata dopo che ne siano state identificate esattamente le cause. Spesso viene provocata da una infiammazione del fegato e come reazione si ha un travaso di bile nel sangue che colora la pelle di giallo. Si avverte un forte mal di testa, intensi pruriti e senso di prostrazione. Bisogna seguire un regime alimentare assolutamente privo di formaggi, burro, carni grasse, spezie, alcool e caffè.

Brodo di Cicoria e Prezzemolo

La prima soluzione per ovviare a questo sintomo è un preparato molto semplice da fare in casa, difatti gli unici ingredienti saranno Cicoria e Prezzemolo, basterà avere 30 grammi di Cicoria e 60 grammi di foglie di prezzemolo. Fate bollire la cicoria e il prezzemolo in un litro di acqua per due minuti. Lasciate in infusione per altri 5 minuti e filtrate. Bevetene nella misura di tre tazze al giorno.

Proprietà della cicoria

Le foglie e le radici della cicoria contengono le vitamine C,K e P, ferro, albumina e sali di potassio. Risulta essere un ottimo tonico ed amaro, un buon stimolatore delle attività dello stomaco e combatte le insufficienze epatiche e biliari. Possiede anche proprietà depurative e detossicanti generali che si riflettono anche nell’aspetto della pelle.

Vi lasciamo il link di un ottimo prodotto solubile alla Cicoria che puo esservi utile in molteplici occasione, ad un prezzo davvero interessante

Vedi su Amazon

Tisana di Agrimonia

L’agrimonia è una pianta erbacea perenne dal fusto eretto alto da 30 a 80 cm. Si conosce anche con il nome di Eupatoria, ha proprietà astringenti, diuretiche, antidiabetiche, cicatrizzanti, antipruriginose e viene indicata contro la diarrea, la dissenteria, la litiasi renale, il diabete, l’epatismo, l’obesità, l’asma ed in questo caso serve anche per l’ittero.
Fate bollire 30 grammi di questa pianta in un litro d’acqua per due minuti, filtrate e bevetene tre tazze al giorno fino alla guarigione.

Sull'autore

Paula

Mi chiamo Paula Calotti e sono nata a Rio De Janeiro, in Brasile. Mio padre è di Mantova, città in cui attualmente vivo, ma in me scorre sangue latino. Sono cresciuta con carne e capoeira, ho praticato tante altre arti marziali e giro per il mondo visitando fiere del fitness. Sono una personal trainer, ballerina di salsa nel tempo libero e fitness model per riviste di settore e brand d'abbigliamento sportivo. Ho aperto questo blog per raccontarvi della mia passione per la cura del corpo e della mente. La felicità parte proprio da qui.