Cibi e natura

L’olio di cocco e le sue proprietà, quando e come utilizzarlo

olio di cocco e noce di cocco su tavolo

L’olio di cocco ha innumerevoli proprietà ed è utilizzato in vari campi.

Fino a qualche anno fa in Occidente, questo olio era considerato nocivo e la sua concentrazione di grassi si pensava fosse pericolosa per la salute cardiovascolare. Oggi, invece, molti studi e ricerche scientifiche ne hanno confermato l’efficacia e la sua popolarità è aumentata proprio grazie alle diverse proprietà benefiche e agli utilizzi per la salute e la bellezza.

L’olio di cocco è ampiamente usato nei Paesi tropicali come India, Sri Lanka, Filippine e Thailandia.

Lo Sri Lanka registra il più alto consumo di olio di cocco e vanta il più basso tasso di malattie del cuore. Anche gli abitanti dell’isola di Tokelau in Nuova Zelanda sono immuni da malattie cardiovascolari.

La popolazione dell’Isola di Kitava (Nuova Guinea) consuma circa il 20% di calorie solo dall’assunzione di olio di cocco ed infarti ed ictus risultano totalmente assenti.

Come abbiamo già detto, diversi studi scientifici hanno dimostrato che l’olio di cocco non è così dannoso nonostante abbia un’elevata percentuali di acidi grassi saturi. Se consumato nelle giuste dosi ma soprattutto scegliendo un prodotto di qualità, porterà solamente dei benefici a chi ne farà uso.

Ecco alcune delle innumerevoli proprietà dell’olio di cocco:

  • Rafforza il sistema immunitario;
  • protegge il cuore e lo stomaco,
  • rinforza i capelli;
  • sbianca i denti e rimuove la placca;
  • riduce lo stress e brucia i grassi;
  • fa bene alla pelle;
  • si utilizza anche in cucina

L’olio di cocco si ricava dai frutti dell’omonima pianta che è tipica dei Paesi tropicali.

I semi di questi frutti, chiamati comunemente noci di cocco, sono formati da un fibroso involucro più esterno e da un involucro legnoso che lo avvolge. All’interno sono bianchi e saporiti. La loro mandorla, che prende il nome di copra, contiene circa il 70% di grasso ed è proprio da questa che si ricava l’olio di cocco. La pressatura e la bollitura della copra essiccata sono necessarie per ottenere l’olio che verrà poi raffinato per produrre oli di diversa qualità.

Cosa contiene l’olio di cocco

L’olio di cocco contiene principalmente acidi grassi saturi e, in minima parte, acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi.

Gli acidi grassi saturi a media catena dell’olio di cocco sono composti da:

  • Acido Laurico: compone circa il 50%. Utile per combattere virus e batteri patogeni: herpes come Citomegalovirus ed Epstein Barr virus (mononucleosi) e l’influenza. L’acido laurico, una volta ingerito, viene convertito in monolaurina, un monogliceride dalle proprietà antivirali, antimicrobiche ed antifungine.
  • Acido Caprico: è un potente antimicrobico e viene convertito in monocaprino attraverso delle reazioni con alcuni enzimi secreti da altri batteri.
  • Acido Caprilico: svolge un’azione antifungina ed è uno dei rimedi più potenti contro l’infezione da Candida.

In minori quantità, contiene anche:

  • acido miristico;
  • acido palmitico;
  • acido oleico;
  • acido stearico.

Questi acidi grassi sono a catena media e proprio per questo motivo risultano di più facile assorbimento e ossidazione rispetto a quelli a catena lunga.  Ecco perché rappresentano una fonte di energia altamente disponibile. Vengono inviati direttamente al fegato attraverso il tratto digestivo, dove vengono usati per ricavare energia o per essere trasformati in chetoni.

L’olio di cocco non influenza negativamente i livelli di colesterolo, proprio perché è caratterizzato da acidi grassi saturi a media catena: addirittura è dimostrato che contribuisce ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo (LDL) e favorire quello buono (HDL).

Le varietà presenti

Esistono diversi tipi di olio di cocco sul mercato. I principali sono due:

  • olio di cocco vergine (o puro): si intende olio di cocco che non ha subito nessun tipo di raffinazione. In questo modo l’olio mantiene tutte le sue proprietà inalterate: dal profumo al sapore di cocco così come il contenuto di antiossidanti. L’olio puro è indicato soprattutto per massaggi, usi medicinali e nella cosmesi.
  • olio di cocco raffinato: l’olio di cocco viene trattato con procedimenti industriali (chimici) e quindi perde l’odore, il colore ed anche le proteine. Gli acidi grassi rimangono però inalterati. Con queste tecniche avrà un periodo più lungo di conservazione.

Come utilizzare l’olio di cocco

La particolare composizione dell’olio di cocco consente il suo utilizzo in vari campi che vanno dallo stimolare il metabolismo fino al combattere virus e batteri. Inoltre grazie alle sue caratteristiche, può essere implicato nella cura del corpo avendo proprietà idratanti e di protezione.

Vediamo in dettaglio tutti i benefici e le proprietà dell’olio di cocco:

  • brucia le calorie: gli acidi grassi che compongono l’olio di cocco stimolano il metabolismo a funzionare più velocemente. In questo modo si bruciano calorie e grassi;
  • riduce l’appetito e il senso di fame: è utilizzato anche per perdere il grasso sulla pancia: i cosiddetti “rotolini”;
  • mantiene il cuore in buona salute: riduce il rischio di avere malattie cardiache perchè i grassi saturi che lo compongono aumentano il colesterolo sano (HDL) e diminuiscono quello cattivo (LDL);
  • mantiene in salute il cervello: l’olio di cocco ottimizza le performance cognitive. Migliora le funzioni cerebrali grazie ai corpi chetonici degli acidi grassi che lo compongono;
  • ha proprietà antibatteriche, antivirali, antimicrobiche e antifungine: rafforza l’organismo e aumenta le difese immunitarie. Gli acidi grassi dell’olio di cocco sono molto efficaci nel combattere infezioni causate da batteri, virus e funghi patogeni. L’acido laurico, in particolare, è utile per sconfiggere gli Herpes Virus, mentre l’acido caprilico è implicato contro l’infezione da Candida Albicans;
  • riduce l’infiammazione e l’artrite: ha proprietà antinfiammatorie, analgesiche e riduce la febbre;
  • migliora la digestione e riduce l’ulcera allo stomaco e la colite ulcerosa: è implicato nei processi digestivi in quanto aiuta l’organismo ad assorbire vitamine liposolubili, calcio e magnesio. L’olio di cocco migliora la salute dell’intestino distruggendo i batteri cattivi e i funghi, come la candida. Aiuta a curare o prevenire le ulcere gastriche e la colite ulcerosa;
  • igiene orale: l’olio di cocco aiuta il nostro organismo ad assorbire meglio il calcio e di conseguenza, aiuta a sviluppare denti forti. Questo olio riduce anche la formazione della placca, cura le gengivite, sbianca i denti e soprattutto previene la carie. Può essere utilizzato al posto del comune dentifricio. Per una pulizia completa della bocca potete eseguire il cosiddetto “oil pulling”: basta mettere in bocca due cucchiai di olio di cocco ed effettuare degli sciacqui, come se fosse un comune colluttorio;
  • assorbimento vitamine e nutrienti: l’olio di cocco consente il corretto assorbimento di vitamine e ne migliora l’assimilazione. In questo modo favorisce la salute delle ossa, capelli, denti, pelle e sistema immunitario. Inoltre, è ricco di vitamine E, K e ferro;
  • cura del corpo: protegge la pelle ed è ricco di antiossidanti. L’olio di cocco può essere utilizzato come detergente per il viso e può curare molti disturbi della pelle come come ustioni, eczemi, forfora, dermatiti e psoriasi. Gli acidi grassi laurico e caprilico che lo compongono riducono l’infiammazione interna ed esterna e idratano la pelle, rendendolo un’ottima soluzione per tutti i tipi di condizioni cutanee. Può essere applicato sulla pelle del corpo dopo il bagno o la doccia: rende la pelle estremamente morbida e vellutata. Ottimo anche per idratare la pelle delle mani;
  • cura dei capelli: è ottimo come maschera per i capelli. Li rende lucidi e setosi, li rinvigorisce e ne facilita l’accrescimento. Si applica direttamente sui capelli (dalla cute alle punte) dopo aver fatto sciogliere con le mani la quantità necessaria. Si esegue una sorta di massaggio e si deve lasciare in posa per qualche ora. In caso di forfora è ottimo come rimedio;
  • cosmesi: l’olio di cocco svolge un’azione emolliente e lenitiva e dona elasticità alla pelle. Può essere utilizzato anche come un deodorante naturale. Molto efficace come struccante: basta applicarlo sul viso come un detergente per rimuovere il trucco. Svolge un’azione antirughe per il contorno occhi. Per la pulizia del viso si può usare come scrub mescolandolo con sale o zucchero. Idrata le labbra e può essere applicato come un balsamo per ammorbidirle;
  • cucina e alimentazione: l’olio di cocco è ampiamente utilizzato in cucina come condimento. E’ un alimento altamente nutritivo ed energizzante. Si usa anche per preparare dolci: può facilmente sostituire il burro nella preparazione della sfoglia e degli impasti per le torte. E’ adatto anche per cucinare ad alte temperature, come le fritture ad esempio, perché ha un punto di fumo più alto rispetto a quello degli altri oli. Se amate i frullati e i succhi di frutta fatti in casa potete tranquillamente aggiungere olio di cocco puro per aumentarne i valori nutrizionali. Si può usare anche nel tè o nella camomilla come sostituto dello zucchero.

L’olio di cocco e la pelle

L’olio di cocco è una miniera d’oro. È ricco di grassi buoni che ci forniscono energia, combatte i microbi ed è eccellente in cucina. Ma è un toccasana anche per la nostra pelle.

Così facendo evitiamo di utilizzare i prodotti chimici che possono essere dannosi, continuando a prenderci cura del nostro corpo. Infatti, è in grado di penetrare la pelle a un livello più profondo rispetto alla media dei prodotti grazie al suo basso peso molecolare e al modo in cui si lega alle proteine.

Tutte le marche migliori di Olio di cocco e i prodotti più venduti

[amazon bestseller=”olio di cocco” items=”15″]

20 modi per utilizzare l’olio di cocco sulla pelle

1. Burro per il corpo

Evita le sostanze chimiche e le fragranze false che si trovano nelle lozioni convenzionali. Una ricetta per il burro fatto in casa comprende burro di karitè, olio di cocco, olio di jojoba e oli essenziali a scelt, a per un prodotto che fa bene alla pelle. Spalmarlo dopo la doccia può aiutare a combattere l’umidità.

Perché funziona così bene? In parte è dovuto ai grassi saturi che aiutano la pelle a rimanere idratata e il grasso impedisce la perdita di umidità attraverso i pori della pelle. Questi le conferiscono un tono sano, liscio e uniforme.

2. Scrub per il corpo

Possiamo idratare la pelle e sbarazzarci delle cellule morte facendo uno scrub. Basta mescolare l’olio con lo zucchero di cocco per ritrovarsi con una pelle più liscia. È consigliabile farlo alcune volte a settimana.

3. Olio per il corpo

Se la pelle è molto secca, l’olio di cocco è uno dei migliori rimedi. Basta strofinarlo tra le mani per scaldarlo e quindi usarlo come lozione per il corpo. Concentrati sui gomiti e sulle ginocchia che tendono ad essere ancora più secchi del resto del corpo.

4. Trattamento dell’herpes

A rischio di herpes labiale? L’olio di cocco può aiutare ad accelerare il tempo di guarigione, alleviare il dolore e ridurre il rischio di cicatrici e scolorimento.

Contiene tre acidi grassi – acido caprico, caprilico e laurico – che possiedono sia proprietà disinfettanti che antimicrobiche, aiutando a proteggere e a curare le infezioni.

5. Olio per cuticole

Prova a usarlo nella tua prossima manicure. Si può strofinare l’olio sulle cuticole, aiutando a tenere a bada i germi e sciogliendole, così che siano più facili da tagliare.

6. Bagno purificante

Un buon bagno purificante è un ottimo modo per eliminare le tossine mentre permette al corpo e alla mente di rilassarsi. Si può facilmente fare un bagno con olio di cocco aggiungendo ¼ di tazza di sali di Epsom, ottimo per la purificazione, a ¼ di tazza di olio in un bagno caldo. Si possono anche aggiungere degli oli essenziali.

7. Aiuta con la dermatite da pannolino

Il suo utilizzo sulla pelle può alleviare il dolore, il prurito e l’arrossamento della dermatite da pannolino. Usarlo regolarmente può anche aiutare a tenerlo a bada. Utilizzarne un cucchiaio sulle aree interessate.

8. Mani secche

Le attività giornaliere possono rovinare le mani e l’olio di cocco è un ottimo rimedio quando diventano secche. Un modo per migliorarne gli effetti è strofinarlo sulle mani e quindi coprirle con i guanti.

9. Pulizia del viso

Con le sue proprietà antimicrobiche e le sue capacità idratanti, l’olio di cocco è un prodotto perfetto per pulire il viso.

10. Deodorante

Dato che i deodoranti traduzionali possono irritare la pelle, l’olio di cocco è un’ottima alternativa.

11. Repellente per insetti

Può essere utilizzato anche come repellente per insetti, allontanandoci dalle sostanze tossiche. Basterà mescolarlo con un olio essenziale; i migliori sono quelli di citronella, di eucalipto e di menta . In questo modo si eviterà di introdurre sostanze chimiche e tossine in eccesso.

12. Balsamo per le labbra

I prodotti più semplici sono spesso mescolati a tantissimi altri ingredienti. Invece di ingerire accidentalmente sostanze chimiche tossiche attraverso il balsamo per le labbra, una valida alternativa è creare in casa un proprio balsamo partendo dall’olio di cocco.

13. Struccante

Utilizzare l’olio intorno all’area degli occhi consentirà di rimuovere il trucco senza irritazioni. Inoltre, questo fornirà un’idratazione extra, riducendo la comparsa delle rughe.

14. Olio da massaggio

Si può combinarlo con diverse gocce d’olio essenziale (a scelta) per creare un ottimo olio per massaggi; allevierà i dolori muscolari, rilassandoci.

15. Crema da notte

Idrata e ripara la pelle durante il sonno applicando delicatamente l’olio di cocco sul viso. Se si soffre di acne o pelle grassa è anche possibile aggiungerne qualche goccia ad una crema idratante.

16. Umidità del cuoio capelluto

I capelli secchi e crespi sono un problema: con l’olio si può mantenerli idratati, combattendo la forfora e mantenendoli lucidi.

17. Gel da barba

Può anche essere utilizzato come gel da barba. Aiuta a prevenire i peli incarniti e le irritazioni e basta semplicemente sfregarlo sulla pelle, radersi e asciugare.

18. Malattie della pelle

Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, l’olio di cocco può essere una risorsa utile per il trattamento di malattie della pelle come l’eczema, la psoriasi e altre ancora.

19. Smagliature

Le smagliature si verificano quando l’elasticità della pelle viene variata, frequentemente dopo l’aumento o la diminuzione di peso e la gravidanza. L’uso dell’olio può aiutare a ridurre i segni, aiutandoli a sbiadire più rapidamente, mantenendo la pelle idratata per una guarigione più rapida.

20. Sollievo dalle scottature

L’olio di cocco può aiutare a lenire la pelle infiammata, ridurre il rossore e reidratare la pelle. Ottima l’aggiunta di estratto di semi di lampone rosso o di ossido di zinco per ottenere una protezione solare più forte.

Dove si compra l’olio di cocco

L’olio di cocco si trova facilmente nei reparti biologici dei supermercati oppure è facilmente reperibile nei negozi bio o che vendono prodotti etnici. Si può ordinare anche on line.

Controindicazioni

L’olio di cocco non ha particolari controindicazioni, basta ovviamente non abusarne. Per il consumo alimentare bisogna utilizzare esclusivamente olio di cocco puro.

Curiosità

L’olio di cocco è solido a temperatura ambiente, va conservato fuori dal frigorifero e al buio.

Sull'autore

Paula

Mi chiamo Paula Calotti e sono nata a Rio De Janeiro, in Brasile. Mio padre è di Mantova, città in cui attualmente vivo, ma in me scorre sangue latino. Sono cresciuta con carne e capoeira, ho praticato tante altre arti marziali e giro per il mondo visitando fiere del fitness. Sono una personal trainer, ballerina di salsa nel tempo libero e fitness model per riviste di settore e brand d'abbigliamento sportivo. Ho aperto questo blog per raccontarvi della mia passione per la cura del corpo e della mente. La felicità parte proprio da qui.