Salute e rimedi

Parestesia: quando si manifesta e cosa fare

parestesia mani

La parestesia è quella sensazione di bruciore e di formicolio che si avverte quando il braccio o la gamba si addormentano. Mentre nella maggior parte dei casi questa scompare facilmente, ci sono alcune condizioni che possono causare dei disagi cronici.

La parestesia può verificarsi in qualsiasi parte del corpo, ma i sintomi si verificano più spesso nelle mani, nelle braccia, nelle gambe e nei piedi. Può apparire anche sul viso.

La causa può essere una malattia cronica come il diabete, alcune malattie autoimmuni, la sclerosi multipla e le infezioni sistemiche. In alcuni casi, gravi attacchi d’ansia possono causarla alla testa, così come l’emicrania.

Inoltre, la sensazione di intorpidimento, debolezza e bruciore può verificarsi anche in seguito all’assunzione di alcuni farmaci, al trattamento chemioterapico e a carenze nutrizionali.

Il trattamento dipende dalla causa all’origine del sintomo. La diagnosi può essere difficile ed è spesso raggiunta dopo un’ampia gamma di test al fine di escludere le condizioni più gravi.

Cos’è la parestesia?

La parestesia è una condizione caratterizzata da sintomi distintivi tra cui intorpidimento, formicolio, bruciore e sensazioni di punture sottili, molto spesso riscontrati nelle estremità degli arti. Può essere classificata come acuta o cronica.

La parestesia acuta può svilupparsi velocemente e può essere un segno di un’emergenza medica come un ictus. Può anche essere un segno di un trauma fisico o di un infortunio. I sintomi si riducono subito dopo averne trattato la causa.

La parestesia cronica può essere un segno di una condizione medica di base, una malattia neurologica o un danno ai nervi traumatici. I sintomi sono persistenti e sono spesso da collegare a una malattia cronica che può renderne più difficile il trattamento.

Segni e sintomi

I sintomi più comuni includono:

  • Formicolio o sensazione di bruciore alle estremità degli arti
  • Pizzicore
  • Intorpidimento
  • Debolezza
  • Dolori sordi
  • Difficoltà a camminare o scarso equilibrio

Cause e fattori di rischio

La parestesia cronica può essere causata da un’ampia gamma di malattie:

  • L’ictus, un’emergenza medica in cui l’apporto di sangue al cervello è interrotto o limitato, può causare formicolio, intorpidimento e debolezza associati alla parestesia.
  • Attacco ischemico transitorio, simile ad un ictus, ma dura solo pochi istanti, può essere un segnale di avvertimento per un attacco più grave. I sintomi sono simili.
  • Sclerosi multipla, una malattia del sistema nervoso centrale che attraversa periodi di recidiva e remissione.
    Uno dei sintomi è proprio la parestesia.
  • Encefalite, un’infiammazione del cervello spesso causata da un’infezione virale.
  • Mielite trasversa, una malattia neurologica in cui l’infiammazione colpisce entrambi i lati del midollo spinale, interrompendo i messaggi che questo invia in tutto il corpo.
  • Tumore o lesione vascolare che preme sul cervello o sul midollo spinale causando un’interruzione dei segnali nervosi.
  • Sindrome del tunnel carpale, che insorge a causa di un nervo compresso nel passaggio vicino al polso.
  • Neuropatia periferica, che è un danno ai nervi periferici che influenza la sensibilità, la coordinazione e il controllo muscolare.
  • Danno ai nervi causato da un trauma.
  • Sciatica, un dolore radiante lungo il nervo sciatico che va dalla parte bassa della schiena ai fianchi, ai glutei e alle gambe che possono anche causare intorpidimento e sensazioni di bruciore.
  • Carenza di vitamina B12, una delle più comuni carenze nutrizionali.
  • Carenza di rame.
  • Tossicità della vitamina D.
  • Squilibrio di vitamina B6: carenza o eccesso.
  • Infezione sistemica, compreso HIV o herpes simplex.
  • Emicrania.
  • Attacco di panico.
  • Ipotiroidismo.
  • Alcuni tipi di farmaci chemioterapici.
  • Alcuni antibiotici.
  • Alcuni farmaci per l’HIV / AIDS.
  • Alcuni farmaci anti-sequestro.
  • Ritiro antidepressivo.

I fattori di rischio riconosciuti includono:

  • Malattie autoimmuni incluso il lupus, l’artrite reumatoide e sarcoidosi.
  • Malattie neurologiche come la sclerosi multipla.
  • Diabete di tipo 1 o 2.
  • Abuso di alcool.
  • Dieta povera.
  • Movimenti ripetitivi come la digitazione, la pratica di uno sport o uno strumento.

Diagnosi e trattamento convenzionale

Poiché la parestesia può essere causata da una vasta gamma di traumi fisici, carenze nutrizionali e condizioni di salute, un’accurata diagnosi si basa sul fare un quadro completo dello stato di salute del paziente. Quando i sintomi sono presenti, è imperativo che condizioni urgenti come ictus, mielite trasversa, sindrome di Guillain-Barré e altri siano considerati tempestivamente.

Una volta escluse le emergenze, verrà condotta una dettagliata anamnesi e una serie di test. Probabilmente il medico effettuerà:

  • Esami del sangue per diabete, livelli nutrizionali, funzione tiroidea, infezioni e livelli di tossine o metalli pesanti
  • Esame di eventuali eruzioni cutanee.
  • Esame spinale comprendente una risonanza magnetica e radiografie per verificare la presenza di scoliosi o fratture.
  • Esame neurologico per valutare la percezione sensoriale.
  • Valutazione per notare eventuali anomalie dell’andatura, dello squilibrio o della coordinazione.
  • Puntura lombare se si sospetta la sindrome di Guillain-Barre.
  • Test dei nervi e biopsia del nervo periferico se si sospetta vasculite, sarcoidosi o altre malattie correlate ai nervi.
  • La TC nel caso si sospetti di ictus o sclerosi multipla.

Il trattamento convenzionale dipende dalla causa sottostante. Una volta individuata la cura questa potrà alleviare i sintomi.

Esistono centinaia di studi clinici attualmente in corso che valutano la sicurezza e l’efficacia di un’ampia gamma di procedure e farmaci per il trattamento della parestesia basati su diagnosi specifiche tra cui:

  • Parestesia indotta da chemioterapia.
  • Sindrome del tunnel carpale.
  • Reflusso gastroesofageo.
  • Neuropatia periferica.
  • Dolore neuropatico diabetico.
  • Sindrome delle gambe agitate.
  • La sindrome di Raynaud.
  • Mal di schiena cronico.
  • Trauma cranico.

5 consigli naturali per la gestione della parestesia

1. Vitamina D.

Una carenza di vitamina D è legata alla sindrome delle gambe senza riposo, a certe malattie autoimmuni, al dolore cronico e alla sclerosi multipla, noti per causare i sintomi della parestesia. Trascorrere più tempo all’aria aperta al sole può aiutare, ma se si dispone di una grave carenza, potrebbe essere necessario aggiungere qualche integratore. Il medico può ordinare un test per determinare i livelli di vitamina D e aiutarti a elaborare un piano alimentare e medico adeguato.

Oltre a trascorrere 20 minuti al sole ogni giorno, è possibile aggiungere alimenti ricchi di vitamina D come l’ippoglosso, lo sgombro, il pesce spada e le sarde. Anche i funghi esposti ai raggi UV, inclusi maitake e portobellos, sono buone fonti.

2. TENS.

Un trattamento non invasivo relativamente nuovo, il TENS o dispositivo di stimolazione elettrica nervosa transcutanea, fornisce correnti elettriche controllate che stimolano i nervi. Può alleviare alcuni tipi di dolore muscolo-scheletrico e postoperatorio, ed è in fase di studio per la parestesia indotta da chemioterapia.

3. Agopuntura.

Ampiamente studiato per la neuropatia chemio-indotta con o senza parestesia, l’agopuntura può aiutare ad alleviare il dolore e il disagio associati alla essa.

L’agopuntura è un trattamento efficace anche per la sindrome del tunnel carpale. I ricercatori ritengono che possa essere efficace nell’alleviare il dolore al tunnel carpale e che possa effettivamente aiutare a ristabilire i nervi periferici danneggiati.

4. Alimenti ricchi di vitamina B6 e B12.

Per carenze da lievi a moderate di questi nutrienti, si consiglia l’aggiunta di cibi ricchi di vitamina B6 e cibi ricchi di vitamina B12.

Per la seconda, consumare pesci come sgombro, salmone, aringa o tonno può fornire la dose giornaliera raccomandata. Inoltre, anche lo yogurt biologico, il tacchino, il manzo e l’agnello sono buone fonti.

Se la carenza di vitamina B12 è grave, il medico può raccomandare un integratore.

Se la carenza riguarda la vitamina B6, bisognerà prima parlare con il medico prima di assumere un integratore, in quanto interagisce con una vasta gamma di farmaci tra cui quelli per la chemioterapia, alcuni farmaci per la pressione alta, farmaci per l’asma, antibiotici e alcuni antidepressivi. Alcuni alimenti che ne sono ricchi sono il petto di tacchino biologico, il manzo nutrito con erba, i pistacchi e l’avocado.

5. Curcuma

Famosa per le sue proprietà antinfiammatorie, la curcuma può essere un trattamento efficace per molte delle cause della parestesia tra cui l’artrite reumatoide, le malattie infettive e il diabete. Per i diabetici, può aiutare a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue.

Scegli un integratore di alta qualità, preferibilmente fermentato e contenente pepe nero per avere la massima capacità di assorbimento. È inoltre consigliabile aggiungere curcuma fresca e biologica alla propria alimentazione. Assicurati di usare una ricetta che includa sia un grasso sano come il ghee, sia un pepe nero.
Vi consigliamo questo prodotto recensito da centinai di utenti:
Scopri l'offerta

Prevenzione

Fare una dieta nutriente per prevenire le carenze nutrizionali associate alla parestesia è il primo passo. Inoltre, dato che l’infiammazione è una parte fondamentale del tutto, fare una dieta a basso contenuto di alimenti infiammatori può aiutare con i sintomi.

Se soffri di diabete è d’obbligo che tu gestisca i livelli di glucosio nel sangue per evitare di sviluppare la neuropatia diabetica.

Evitare movimenti ripetitivi prolungati per limitare la possibilità di danni ai nervi.

Precauzioni

Se il formicolio, l’intorpidimento o le sensazioni di bruciore appaiono bruscamente, consultare immediatamente un medico. I sintomi della parestesia possono essere segno di una grave emergenza medica come ictus, mielite trasversa o sindrome di Guillain-Barre.

 

Sull'autore

Paula

Mi chiamo Paula Calotti e sono nata a Rio De Janeiro, in Brasile. Mio padre è di Mantova, città in cui attualmente vivo, ma in me scorre sangue latino. Sono cresciuta con carne e capoeira, ho praticato tante altre arti marziali e giro per il mondo visitando fiere del fitness. Sono una personal trainer, ballerina di salsa nel tempo libero e fitness model per riviste di settore e brand d'abbigliamento sportivo. Ho aperto questo blog per raccontarvi della mia passione per la cura del corpo e della mente. La felicità parte proprio da qui.