Salute e rimedi

Sollevatore per anziani e disabili

sollevatore per anziani

In presenza di quei soggetti per i quali cui la mobilità è impossibile, sia per particolari condizioni di disabilità o semplicemente per problemi naturali derivanti dall’invecchiamento negli anziani di età molto avanzata, esistono dei dispositivi creati appositamente per fornire sostegno a quegli individui che altrimenti non potrebbero alzarsi alle in posizione eretta.

Questo strumento, definito verticalizzatore o sollevatore per anziani e disabili, è un alleato fondamentale per quei soggetti che sono obbligati a svolgere le proprie attività giornaliere esclusivamente con l’aiuto di altre persone o in carrozzina.

La funzione di un sollevatore per anziani è quella di assistere il soggetto disabile a elevarsi in posizione eretta sfruttando unicamente le sue forze, rendendolo quindi in un certo senso indipendente.

È abbastanza intuitivo da questa descrizione che questo dispositivo possa fornire un ausilio soltanto in caso di persone che dispongano almeno di un minimo di capacità motoria, altrimenti servirebbe comunque l’intervento di un soggetto esterno e la sostanza non sarebbe cambiata di molto.

Come funziona un sollevatore per anziani

Un sollevatore per anziani, o verticalizzatore elettrico, permette a chi ne usufruisce di assumere e mantenere una posizione eretta facendo inoltre in modo che il soggetto possa anche muoversi nello spazio circostante in maniera autonoma.

Il sostegno all’opera di verticalizzazione è fornito dal lavoro di un motore elettrico il cui funzionamento viene controllato attraverso una pulsantiera. Il dispositivo si avvale di un piano che scorta il soggetto in posizione eretta partendo da quella di seduta. Al fine di scongiurare incidenti da schiacciamento, questo piano si avvale di una funzione di arresto automatico che sarà possibile attivare mediante un pulsante.

Avvalendosi esso di due motori, grazie al verticalizzatore elettrico il soggetto potrà muoversi nello spazio circostante utilizzando un telecomando che gli fornisce una guida assistita.

Per ciò che riguarda il solo verticalizzatore il dispositivo infine si avvale di un poggiapiedi dotato di ferma talloni regolabile e di un poggia stinchi, strumenti che sono anch’essi regolabili attraverso l’uso elettrico della pulsantiera di comando. Per quanto invece riguarda il sollevatore è doveroso avvertire che tale apparecchio potrebbe anche soltanto limitarsi a sollevare la persona allettata tramite un’imbracatura.

Il dispositivo è fornito inoltre di maniglioni la cui larghezza è regolabile. Essi favoriscono lo scorrimento, mentre sul lato posteriore è installata una sella, di cui sarà possibile regolare la profondità.

Un sollevatore per anziani arriva a pesare intorno ai 70 kg ed è concepito per supportarne un massimo di 140 kg. Il rapporto quindi, è sempre più o meno lo stesso: un sollevatore è fatto in modo tale che possa reggere mediamente il doppio di quello che pesa.

I migliori verticalizzatori e sollevatori per anziani da acquistare online

I verticalizzatori e i sollevatori per anziani possono funzionare sia in maniera elettrica che idraulica. L’acquisto di questi dispositivi è piuttosto complesso. Infatti bisognerebbe innanzitutto trovare un negozio di sanitari che li venda, cosa non scontata, e poi bisognerebbe capire quali modelli offre quel rivenditore: non è detto che siano i migliori sul mercato e non è detto che svolgano le funzioni che state cercando.

Essendo infatti dei dispositivi particolarmente voluminosi, difficilmente potrete trovarne un’ampia scelta tra le quattro mura di un negozio fisico. Ecco perché è altamente consigliabile acquistare questi dispositivi sul mercato online. Attraverso piattaforme come Amazon infatti, potrai leggere le schede dei prodotti, le funzioni incluse dagli stessi, le specifiche sul peso e sul peso supportato, e tanti altri fattori che delineeranno il modello di elevatore per anziani più adatto per le tue esigenze.

Senza dimenticare che avrai inoltre la possibilità di consultare le recensioni lasciate dagli altri utenti che hanno precedentemente acquistato questi dispositivi. Leggere le recensioni è sempre importante e prezioso, ma per i motivi spiegati in precedenza, nel caso dei sollevatori e verticalizzatori per anziani e disabili ancora di più.

Detto ciò, ti ricordiamo che puoi acquistare il tuo modello preferito anche attraverso il nostro sito e questa pagina nello specifico. Nella lista che segue, ti forniamo infatti un elenco dei modelli di elevatori per anziani più venduti e più apprezzati del web.

Bestseller No. 1
SOLLEVATORE PER DISABILI ELETTRICO - IMBRACATURA INCLUSA - BATTERIA RICARICABILE - Portata massima: 140 Kg - KSP Mod. Gemini
  • Sollevatore elettrico Gemini - completo di imbracatura
  • Struttura realizzata in acciaio verniciato con polveri epossidiche in tunnel termico a 200°
  • Base a bracci mobili regolabili su due posizioni a mezzo pedaliera posteriore, corredata di 2 ruote posteriori con freno indipendente Ø 100 mm. e 2 ruote anteriori Ø 80 mm
  • Maniglione di spinta con impugnatura ergonomica
  • Salita e discesa del paziente tramite attuatore lineare elettrico a 24V DC e pulsantiera con cavo
Bestseller No. 2
INTERMED - Alza malati a piantana da terra
  • Sollevamalati con base a pavimento, Asta alzamalati a piantana da terra con triangolo con cinghia per regolare l'altezza. Offre un appoggio solido e sicuro a disabili, anziani e in generale alle persone allettate che hanno difficoltà a sollevarsi dal letto e mettersi seduti.
Bestseller No. 3
SOLLEVATORE PER DISABILI ELETTRICO - SOLLEVAMALATI CON IMBRACATURA STANDARD - Termigea SO12
  • Dimensioni: Larghezza base chiusa cm. 58 Larghezza base aperta cm. 81 Profondità cm. 120
  • Altezza della colonna portante cm. 139
  • Elevazione da terra dei ganci cm. 74 - 180
  • Peso: kg. 43
  • Peso massimo sopportato: kg. 150
Bestseller No. 4
Imbracatura per disabili sollevamalati modello standard con poggiatesta
  • Lunghezza totale: 153 cm
  • Larghezza totale: 89 cm
  • Lunghezza schienale: 97 cm
  • Distanza tra le gambe: 40 cm
  • Altezza del poggiatesta: 46 cm
Bestseller No. 5
Cuscino sollevatore elettrico per anziani e disabili
  • Comodo da portare con te ovunque
  • Ti agevola la vita; ti alzi , Ti siedi senza sforzo nè fatica!
  • Comodo per la sedia, per il divano
  • Facile da trasportare, in casa, al ristorante, per una gita fuori porta
  • Acquistabile con IVA agevolata al 4% - mettersi in contatto con il nostro servizio clienti
Bestseller No. 1
VERTICALIZZATORE KOMPASS UP ATTUATORE LINAK - PORTATA MASSIMA 180KG
  • Struttura in tubolari di acciaio verniciato a polvere.
  • Ruote piroettanti frenanti.
  • Gambe regolabili in larghezza tramite leva manuale (da 59 a 100 cm) che garantiscono una maggiore stabilità e facile accesso in ambienti con spazi stretti.
  • Motore elettrico di sollevamento con batteria separabile dalla centralina
  • Dotato di pulsante per stop di emergenza (discesa emergenza manuale)
Bestseller No. 4
CHINESPORT - verticalizzatore elettrico per disabili - Struzzo 3420
  • Lo Struzzo consente allutente di assumere e mantenere la postura eretta e di trasferirsi in ambienti interni in autonomia senza lassistenza di un operatore.
Bestseller No. 5
SOLLEVATORE PER DISABILI ELETTRICO - IMBRACATURA INCLUSA - BATTERIA RICARICABILE - Portata massima: 140 Kg - KSP Mod. Gemini
  • Sollevatore elettrico Gemini - completo di imbracatura
  • Struttura realizzata in acciaio verniciato con polveri epossidiche in tunnel termico a 200°
  • Base a bracci mobili regolabili su due posizioni a mezzo pedaliera posteriore, corredata di 2 ruote posteriori con freno indipendente Ø 100 mm. e 2 ruote anteriori Ø 80 mm
  • Maniglione di spinta con impugnatura ergonomica
  • Salita e discesa del paziente tramite attuatore lineare elettrico a 24V DC e pulsantiera con cavo

Tipi di sollevatori per disabili e anziani

I verticalizzatori per anziani e disabili si suddividono fondamentalmente in due principali categorie:

  • I sollevatori idraulici o manuali: funzionano attraverso l’azione di una maniglia idraulica che andrà sollevata manualmente fino a che non si sarà raggiunta la posizione desiderata attraverso la barra di abbassamento e sollevamento.
  • I sollevatori elettrici: che invece dispongono di un molto più comodo telecomando elettrico che permetterà di azionare e regolare la barra.

Inutile dire che i modelli del secondo tipo sono sicuramente più comodi ed efficaci. Altrettanto scontato è che i prezzi in questo caso siano sensibilmente più elevati.

Installazione di un verticalizzatore per anziani

Prima di procedere con l’uso di un sollevatore per anziani e disabili, è cruciale che questo passi per un processo di corretta installazione in modo tale da poter scongiurare incidenti e rischi di vario tipo per l’anziano o il disabile che si appresta a farne uso.

Come prima cosa quando iniziamo ad assemblare questo dispositivo, bisogna fare caso al fatto che non ci siano componenti danneggiate o peggio rotte. In tal caso andrebbe subito avvertito il rivenditore e i pezzi dovranno essere cambiati prima di poter procedere al primo utilizzo della macchina.

Dopodiché, ecco quali passaggi dovrai seguire prima che tu o la persona per cui l’hai acquistato inizierete a utilizzare il tuo nuovo verticalizzatore elettrico:

  1. Togli tutti i pezzi dall’imballaggio e poi posiziona la base in modo che sia stabile. Installa la colonna verticale sopra la base assicurandoti che sia ben salda prima di procedere con i passaggi successivi.
  2. Adesso, sopra la colonna verticale, dovrai montare le maniglie che serviranno per la spinta.
  3. Sempre sulla colonna verticale è adesso il momento di posizionare il poggia ginocchia (nel caso di un verticalizzatore, assente nel semplice sollevatore).
  4. Inserisci il tappo di sicurezza.
  5. Ora monta l’asta: in caso di modello elettrico, dovrai montare l’attuatore; mentre in caso di modello idraulico dovrai montare l’apposita pompa. Assicurati di collegare per bene il braccio alla colonna centrale e ricorda che, nel caso della pompa idraulica, l’asta dovrà avere la leva di comando sulla parte sinistra, così come l’attuatore elettrico dovrà avere sulla sinistra la sua sezione più ingombrante.
  6. Per i modelli elettrici, è arrivato il momento di inserire la batteria. Essa va posizionata sulla parte superiore della staffa. Inserisci prima la parte superiore e poi quella sottostante.
  7. Sempre considerando il modello elettrico, ricorda adesso di collegare l’attuatore e l’apposito comando al controller dei pulsanti. L’installazione avverrà attraverso il collegamento dei connettori alle prese.
  8. Posizionare il bilanciere alla fine del braccio, nell’apposito spazio ad U.
  9. Ricorda che il dispositivo è dotato di una chiave per le emergenze. Essa andrà necessariamente inserita per azionare il sollevatore. Controlla sempre che la chiave sia ben inserita altrimenti il verticalizzatore non funzionerà nel modo corretto.

Pulizia

Un sollevatore per anziani e disabili è un dispositivo che può avere una lunga vita a patto che la manutenzione e la pulizia avvengano in maniera costante e corretta.

Per pulire il dispositivo basterà essenzialmente usare un panno umido che potrai bagnare semplicemente con acqua e detersivo. Se vuoi che il tuo sollevatore resista più a lungo, evita di utilizzare getti d’acqua diretti e non dimenticare mai, per la sicurezza del paziente, di assicurarti che dopo la pulizia il dispositivo si sia ben asciugato prima di procedere con un nuovo utilizzo.

Dopo l’operazione di pulizia, potrai valutare se utilizzare anche un prodotto lucidante, di quelli che solitamente si usano per i mobili, oppure una cera per automobili. Lascia il dispositivo ad asciugare, ma non al sole.

Se dopo mesi di utilizzo vedrai che il tuo dispositivo inizia a subire uno sbiadimento o un’opacizzazione, non dovrai per forza pensare di aver sbagliato qualcosa nel tuo processo di manutenzione.

Un sollevatore per anziani e disabili infatti, si espone per definizione a una grande quantità di usura, e i cambiamenti nell’aspetto e nel colore possono anche dipendere dall’impatto del sudore. Preoccupati al meglio della pulizia del dispositivo, ma non dimenticare che, come per ogni cosa, non potrai sottrarlo agli inevitabili segni del tempo.